LA CORTE DEI MIRACOLI

È arrivata una nuova collega.

Stamattina è passata a presentarsi. Non lavorerà nel mio team ma ci teneva a fare personalmente un giro di presentazione con i colleghi che, è certa, “saranno la compagnia dei miei prossimi anni”. “Si spera”, aggiunge e ridacchia. La guardo già con sospetto.

E’ da lunedì scorso che girano voci trepidanti. “Com’è? Com’è?” “Carina” “Io l’ho vista da dietro quando stava uscendo dalla porta” “Pare sia un piccolo genio” “Io penso di averla incrociata sull’ascensore, non poteva che essere lei, non mi ha salutato”.

Preceduta da questa proiezione di misurata curiosità, eccola qui davanti a me a presentarsi. Cerco di muovermi con educazione, mi arrischio a chiederle da dove proviene, che abbia fatto in passato e, in un vertice di ironia creativa, le domando chi glielo ha fatto fare di unirsi a questo funesto baraccone. Mi guarda meravigliata, non gradisce affatto questa mia vena dissacratoria verso lo studio in cui lavoro. Di più, verso lo studio in cui ora lavora lei. Cancello il sorriso forzato che mi ero imposto, lascio andare la mia posa rispettosa, appoggio i gomiti sulla scrivania e mi schiaccio la faccia tra le mani. Il fagotto attacca una piccola predica in cui non si cura di nascondere alcune note di biasimo nei miei confronti. Mi sforzo di stare zitto, convincendomi sia solo una mia impressione, probabilmente la ragazza è emozionata, tesa, e questo altro non è che il suo modo di reagire.

Ben presto però la predica vira al messaggio auto-promozionale, uno sciorinamento curriculare della sua vita di riconoscimenti e raggiunti traguardi. “Bla bla bla master bla bla bla professore bla bla bla specializzazione bla bla bla pubblicazione bla bla bla esperienze bla bla bla faccio”.

E poi il silenzio. Mi desto. Pare abbia finito. Guarda me. Poi guarda il mio compagno di stanza. Poi guarda di nuovo me. Non trovo una sola parola utile per rompere il silenzio.

E’ il mio compagno di stanza a spezzare l’imbarazzo.

– “Io so aprire una lattina di coca coi piedi.”
– “Lo fa, lo fa. Io l’ho visto.”

Annunci

124 Pensieri su &Idquo;LA CORTE DEI MIRACOLI

  1. Duch, se il tuo compagno di stanza l’ha detta veramente direi che ormai lo hai contagiato. E Giovannino che ne pensa della nuova?
    Seps

  2. Mi sembra che dai post più recenti trapeli una tristezza infinita …
    Duch è chiaramente stanco e questa tristezza prende il sopravvento sull’ironia allegra sul sistema.
    Se cambi lavoro addio blog e sarebbe davero una perdita per tutti noi di questa comunità di matti, secondo me va considerato un cambio di studio, non ho ancora capito se questa è una possibilità o meno; come ti chiederebbe Giuseppe “secondo te hai ancora mercato ?”
    – equity partner perplesso –

  3. Grande compagno di stanza!!!! Così si risponde a queste new-entry spocchiose pieni di titoli dalla dubbia meritevole provenienza.
    Piss Off!!!

  4. Certo che una si sbatte per essere gentile e socievole e riceve poi questo benvenuto…poraccia!
    Vero è, però’, che l’entusiasmo dei nuovi è spesso triste e irritante.

  5. Finalmente in codesto funesto baraccone compare un personaggio femminile mi son detta….e invece sigh è solo una vanitosa lecchina e per lo più senza senso dell’umorismo…meno male ti rimane il favoloso collega.

  6. A proposito di nuovi arrivi, qualcuno ha visto la nuova segretaria del quarto? Gira voce che sia molto carina.

  7. non saprei dire se il commento #7 è un insulto o un complimento..
    probabilmente è un insulto.

    buon fine lunedì Duchesne.. e ricorda di performare. performare e billare. sempre.

    e a letto presto che domani avete il corso di formazione a piazza affari..

    r.

  8. @15
    secondo me se vai a curiosare sul blog di glamourgirl84 capisci che è un complimento… e non solo perché glamourecc da grande vuole fare l’avvocato…

  9. equity partner

    “ultimamente non sto molto bene”

    duchesne non è mai stato molto in forma (anzi a me sembra stia meglio)

  10. La risposta del tuo compagno di merende era l’unica possibile… GRANDE!! Fatelo esibire all’allegro festone di Natale (oggi ci è arrivato il frizzante invito, e a voi?). Anche io mi sono innamorata del tuo compagno di stanza!

    GPquellavera

  11. Da parte di una che ha la “fortuna” di lavorare in uno Studio Illegale, vorrei spezzare una lancia in favore del fagotto. Non ho visto abbastanza post che dipingano l’ambiente maschiocentrico in cui ci muoviamo…la tapina va, se non capita, quanto meno compatita. Anche a lei sara’capitato di trovarsi ad una riunione in cui un anziano collega di controparte, dopo aver chiesto al socio: “carissssssssimo vuoi un caffe’?”, al praticante foruncoloso di anni 23: “lei “avvocato” gradisce un caffe’?” si sara’ infine rivolto a lei, con tutti i suoi studi, master e supercazzola con un: “e lei SIGNORA cosa gradisce?”. E di aver avuto la tentazione di rispondergli “Brutta cariatide, gradirei spaccarti la faccia dopo tutto quello che ho studiato per prendere un fottuto titolo e sentirmi appellare come la tua governante, quando sono avvocato esattamente come te, anche se con 35 anni di meno vecchio rincoglionito che non sei altro”, ma aver dovuto nicchiare e, comunque, sorridere amabilmente dicendo “grazie, ma il caffe’ mi da’ tachicardia”. Ammettiamolo: se una e’quantomeno passabile (posto che il parametro di comparazione negli Studi Illegali non e’certo la reception della Riccardo Gay Model Agency, ma semmai il bar dello spazio di Star Wars – quindi anche una di livello medio-basso passa per una gran gnocca) la vita un po’ (poco) si addolcisce, ma se una e’ pure un cesso, aggiunge frustrazione (la sua vita) a frustrazione (il suo lavoro). Tanto che, a volte, i due elementi si confondono in un unicum vita=lavoro=una merda. Poveri fagotti.

    Lady Windermere

  12. Ma come si fa ad aprire la coca cola con i piedi?..
    …..e soprattutto, come si fa ad entrare in un nuovo ambiente di lavoro, con l’aria di chi sa tutto, non ha nulla da imparare ed è pronto a dare lezioni a coloro i quali vivono e respirano quell’ambiente da anni?

    Una sorta di suicidio professionale ed umano.

    Una breve esperienza, tanti anni fa, nell’esercito, in qualità di sottotenente, mi ha lasciato tanto vuoto, ma mi ha anche insegnato un principio fondamentale che ho imparato ad apprezzare e condividere in pieno: l’esperienza in un dato ruolo è un valore in sè, che va rispettato sempre e comunque in quanto tale, a prescindere da quanto ci riteniamo bravi o migliori di chi quel ruolo svolge da molto tempo prima di noi.

    Pensierosamente.
    Horro vacui.

  13. Lady Windermere, sono un uomo ma sono assolutamente con te…
    E soprattutto con la citazione del bar di StarWars mi hai fatto spezzare dalle risate (e ritengo peraltro che il bar valga anche per i maschietti).

  14. @Lady Whindemere. Considerazione assai poco politicamente corretta.
    Perché le appartenenti al gentil sesso dovrebbero essere sempre scusate perché l’ambiente è (supposto) maschiocentrico? Sorry, un comportamento sgradevole è un comportamento sgradevole, sia se posto in essere da un maschietto che da un femminuccia. In base a ‘sto modo di ragionare, un avvocato dei padroni potrebbe sempre mettersi a urlare in udienza (perché tanto danno sempre ragione ai lavoratori, sai quanta frustrazione ti viene a difendere i padroni), come altrattanto potrebbe fare il collega del sindacato (perché non è possibile ogni volta che fai un valere un sacrosanto diritto dover sopportare il fuoco di sbarramento di eccezioni pretestuose, sai che frustrazione), come altrettanto potrebbe fare il giudice (dopo aver tanto studiato, passare le mattinate a sopportare due avvocati che urlano, sai che frustrazione).
    E il discorso potrebbe essere esteso ai cancellieri, agli uscieri e financo al barbone che pitocca davanti al Tribunale.

  15. Lady, Lady, Lady…
    Non è maschiocentrica la giustizia, tanto che ormai i giudici sono tutte donne (e ciò non ha portato alcun miglioramento nella giustizia, insomma le donne non sono meglio degli uomini e viceversa); è solo una questione di mentalità.
    In tribunale il praticante di 23/27 anni sia brufoloso che di bella presenza (non capisco perchè il praticante è sempre brufoloso, è come se dicessi che l’avvocatessa di 40 anni ha per forza le tette cadenti) viene chiamato “avvocato”, mentre le avvocatesse di 40 anni con le tette di cui sopra, vengono chiamate “signora”. E tutto ciò non da energumeni maschilisti, bensì dalle varie operatricI giudiziarE e cancellierE.
    Insomma è una mentalità, alle donne non viene riconosciuto il titolo neppure dalle loro stesse simili…

    Un saluto alla vera GP!

  16. basta parlare di tribunale su questo blog, suvvia…. gli “avvocati d’affari” non ci vanno, in tribunale.

  17. Leggendo questo blog comincio ad annoiarmi. Non è merito di Duchesne (che per altro scrive bene e con fine ironia).
    E’ merito della vostra categoria, gli avvocati d’affari: fate sempre la solita monotona e triste vita.
    Che squallore…

  18. Perdono, io in tribunale ammetto di entrarci mediamente una volta l’anno quando devo passare per qualche strana ragione al Consiglio dell’Ordine. Posso parlare solo dello spicchio di (ir)realta’ che ho intorno. Sempre sui fagotti (che oggi mi stanno a cuore. Eccheccazzo anche i fagotti hanno una loro dignita’): ne ho appena intercettate due alla macchinetta del caffe’. Cinguettavano eccitatatissime dell’EVENTO la cui data e’ gia’ stata cerchiata in rosso nell’agenda monocromatica gentilmente fornita dal nostro Studio Illegale (anzi, secondo me ci hanno appiccicato sopra anche qualche stellina e cuoricino fluorescente per meglio evidenziarla): la CENA di NATALE. Ecco, manca un mese circa a questa palla colossale di cena pre-festiva con relativa distribuzione di regalini, ove tutta la “firm” dall’ultimo fattorino al super partner supremo si raduna, stretta in un finto clima alla “volemmosebbene”. Ma e’evidente che, se per una persona normale simili occasioni sono sinonimo di cene aziendali di fantozziana memoria, per un fagotto la CENA di NATALE, cui spesso segue entusiasmante serata danzante, ha la stessa valenza che ha per le star di Hollywood la notte degli Oscar. Il fagotto spende il suo bonus annuale prima ancora di incassarlo in un abito Prada da indossare, sfilando sul suo immaginario red carpet, nella fatidica notte (abito che la fa sembrare Ugly Betty vestita da caramella, beata perfidia dei commessi grandi firme), sogna che tutte le donne presenti la invidino, che persino la moglie strafiga del socio X accanto a lei sfiguri, che l’avvocato belloccio dietro cui sbava da mesi la trascini in una danza sensuale prima di annunciare a tutti che si e’innamorato perdutamente di lei. Forza Anastasia, forza Genoveffa: mi fate tenerezza e un po’vi invidio perche’ io, quest’entusiasmo, l’ho lasciato nei corridoi del liceo; ne ho viste diverse di Cene di Natale: se il livello alcoolico si alza a sufficienza ci sta che una sveltina con il belloccio la si rimedi nel parcheggio del locale. Occhio pero’ a non sciupare il vestito-caramella, potrebbe tornare utile l’anno prossimo.
    Lady Windermere

  19. Scusate, ma “signore/a” è un appellativo rivolto alla persona che, in quanto tale, si suppone essere degna di rispetto; “avvocato” indica invece il titolo professionale e, quindi, potrebbe anche celare un profondo disprezzo per l’interlocutore. Conclusione: dovrebbe fare più piacere essere ritenuti e chiamati “signori”, indipendentemente da quello che si è o si fa.

  20. oggi ho imparato una cosa che mi servirà per la vita.
    stamattina stavo andando a fare la spesa e vedo un tizio che aggredisce un altro… Va beh… sapendo che i milanesi sono degli incivili non mi curo di loro ma guardo e passo, al ritorno dal supermercato vedo l’agggredito che cercava testimoni (altro che omertà siciliana, Milano fa schifo)…
    La lezione di vita è questa: portare con sè sempre i biglietti da visita, anche quando vai a fare la spesa, qualcuno potrebbe aver bisogno di un avvocato…

  21. avendo frequentato piuttosto a lungo e intimamente l’ambiente multi(USA)nazionale dei Consulenti di Alta Direzione, che è MOLTO simile a quello degli avvocati d’affari per certi aspetti -e per questo in particolare-, devo dire (da donna) che questa tipa è la classica che deve/vuole dimostrare di valere di più (degli uomini) a tutti i costi.
    E, poveretta, la capisco.
    Ma (da donna) non concepisco assolutamente che una persona (donna o uomo che sia) che decide di praticare questa professione, sia sprovvista di senso dell’umorismo. Ben le sta. Se l’è cercata.

  22. Cosedapaz se siamo degli incivili perchè non te ne torni a casa tua? Staremmo tutti meglio! Cmq su una cosa hai ragione, portarsi sempre i biglietti da visita.

    Lady, fantastico il tuo post! Molto realistico, apri un blog anche tu, secondo me hai i numeri…

  23. Sì sì sì, Lady Windermere forever. Brava, spiritosa, simpatica. E la scena della festa di natale la trovo molto realistica.
    Se apri un blogo gemello visto dalla parte delle donne io mi segno subito.
    Un avvocato belloccio che aspetta la festa di natale con molta ansia

  24. – Tuo zio è morto. Ti ha lasciato un milione di euro.
    – Wow… e vai !!
    – Ho detto che tuo zio è morto!!
    – Dettagli. Hai detto anche che mi ha lasciato un milione di euro.
    – Si è così, ma cavalo..
    – Cavolo niente! …. datemi il cellulare…subitoooo!!

    – Pronto Boss??
    – Buonasera Horrorammi…mi chiami per l’udienza di domani…? Mi raccomando i documenti…hai letto tutto??…la controparte sarà agguerrita…puntuale mi raccomando!…hai preparato le note di udienza? Depositale subito. Attento …. e poi quando torni in studio, c’è la Causa di coso..come si chiama … insomma hai capito…datti da fare, prima predisponiamo le difese meglio è…tutto ok??
    – Boss??
    – Si??
    – Ma vafffffffaaaannnnn……!
    – Come..ehhhhh?
    – Ieri mio zio è morto!
    – E tu sei impazzito dal dolore!
    – Mai stato meglio!
    – Ciao boss!
    – Ciao…..(???)….

  25. e’ da qualche giorno che leggo il tuo blog e ti ho linkato perche’ mi diverte. Sembri Ally Mc Beel al maschile….e poi anch’io ho i piedi prensili come il tuo collega e ne so qualcosa su come vengono trattatati i praticanti in uno studio.
    Quindi… a presto…

  26. Cari colleghi, sono una donna e per di più avvocato. Rompiscatole? diciamo la verità: quanti colleghe e colleghi abbiamo tutti visto recitare la stessa parte? Insicurezza, insicurezza che noi avvocati gestiamo spesso in aggressività. Le donne hanno molti più problemi, perchè i capi sono quasi tutti uomini. Quindi al di sotto dei 30 sei trattata da “velina”, battute, caffè offerti ecc. ma quando superi i trenta ed inizi ad avere una maturità professionale diventi “inesistente”, non sanno come parlarti (se non di lavoro). E’ a questo punto, secondo me, che diventi stronza e passi di categoria. Un uomo ha meno problemi: il lunedì si parla di calcio e sei già inserito… Io ho deciso di comportarmi come un uomo, mi facilita molto le cose ed è molto più divertente: le donne sono sempre ansiose di dimostrare che sono brave, agli uomini basta dirlo, loro ci credono ed hai risolto per sempre. E poi, lo ammetto, anche a me piace parlare di sport il lunedì, rugby e pallavolo, che ne dite. Povero fagotto, davvero insopportabile! Mi dispiace Duchesne, speravi in un afflato di femminilità e ti sei trovato di fronte una collega che, invece, deve essere prima rassicurata… DURA La VITA!!!

    Un saluto a GPquello vero da me, GPquellavera

  27. Toplegal??..mmm…
    Stanno per proporre nuove nominations …..Categoria: Avvocato più sfigato dell’anno.
    Candidati:
    – horroammini;
    – il legale delle cugine di Garlasco;
    – Giovannino (il collega di stanza di Duchesne).
    Il vincitore sarà premiato con una Coca Cola già apertà…(e qui mi sorge un terribile dubbio).
    La premiazione avverrà alla presenza delle massime autorità scientifiche in materia di Administrative Law, Real Estate e Gin Tonic.
    Consegna l’ambito premio l’A.D. della rivista TOP Legal per l’occasione accompagnato dalle Veline (resoconto della serata nel corso del programma Ciao Darwin).

  28. Giovannino e’ il ragazzo del finance, non il compagno di stanza di Duch.
    Il compagno di stanza di Duch e’ quello che rilascia dei gran bei rutti mentre Duch e’ in conference call.
    E sicuramente “e’ stato il tedesco”.
    Seps

    PS: ancora niente glossa?!

  29. Eccomi ragazzi! scusate sto lavorando molto. appena ho un secondo lascerò le mie impressione. un saluto.
    Jubiabà

  30. 60: Non so se ce l’hai col Duch (immaginerei di sì) e se fai sul serio (idem). In ogni caso, giusto per commentare cogliendo l’occasione di questo grandissimo blog e del fatto che il tuo commento ci viene spesso fatto: secondo me al Duch piace eccome e questo blog ne è una conferma, come piace a tanti di noi. Se non fai la nostra vita (cosa che mi pare di dedurre dal tuo commento, se non è così scusami) è difficile giudicare se noi buttiamo nel cesso la nostra vita o no.

  31. Disclaimer: certo, le luci al neon non aiutano le apparenze e anche noi, leccati, pallidi e spesso madidi, non dobbiamo essere granché, immagino.

    In ogni caso, concordo con Lady Windermere circa l’avvenenza media delle colleghe, e non avrò pace finché non riuscirò ad aprire una lattina di coca coi piedi.

  32. giuro che se lo trovo in un cv(anche se scritto con inchiostro simpatico in carattere arial 1 a piè di pagina) lo assumo

  33. Brava GP! Non c’è cosa migliore che parlare di sport con una donna che se ne intende!
    Poi ti fo i complimenti perchè stai agendo con grnade astuzia ed intelligenza.

  34. Io non l’ho mai visto uno che riesce a fare una cosa del genere ( parlo del contorsionista ..ovviamente 😛 )…
    Quoto bamboladirugiada: filmare e postare su ytube che con tutte le porcate che ci sono questa non s’e’ mai vista !! Su su su su su su ….!
    micia

  35. Gli avvocati d’affari hanno un unico linguaggio. Per tutti. A prescindere da per cosa e con chi. Usano il loro vocabolario come i contratti da cui ogni volta con una serie di fortunati “trova e sostituisci” partoriscono nuovi brillanti documenti legali. E così si comportano sempre… possono usare gli stessi aggettivi con la controparte, con un collega, con il proprio compagno/a… TRISTESS!

  36. Qualche tempo fa mia moglie mi fece leggere una vecchia lettera inviatale da un suo ex – un avvocato – che, dopo essere stato lasciato, le scriveva nel tentativo di riconquistarla.

    La lettera incominciava con queste parole:

    “Ti significo che ti voglio molto bene….”.

    Ho avuto un sussulto, ho guardato mia moglie…e sono scoppiato a ridere.
    Incredibile!

  37. Dissento, strenuamente dissento circa l’uniformita’ di linguaggio degli avvocati d’affari. Non esistono solo neri o bianchi, ma infinite tonalita’ di grigio tra queste mura…(e’ lo spleen di questa giornata piovosa a rendermi insolitamente romantico-ottimista NdA). Vero e’ che ci sono quelli, tra noi, che si sentono tanti cloni di Gordon Geko in Wall Street e che riescono sempre a inframmezzare tra soggetto e oggetto un verbo tipo “levereggiare” (stile “io ieri ho leveraggiato il pesce all’Esselunga”) ma accanto a questi robot mono-programmati esistono teste autonomamente pensanti. Quanto al linguaggio verso la controparte, io distinguerei due macro periodi in cui la differenza di linguaggio si palesa maggiormente: A.C. e D.C. (Ante Closing e Dopo Closing). Nel periodo A.C. ci si suole rivolgere al collega di controparte con non meno di “Carissimo”, meglio se affiancato da un diminutivo, se il nome del collega consente l’abbreviazione e ci si e’gia’ visti almeno mezz’ora, tipo “Carissimo Alby”; il tempo utilizzato e’sempre un condizionale (“potresti”, “ti spiacerebbe”); i saluti comprendono tassativamente un “caro saluto” unitamente all’espressione del vivo desiderio di vedersi quanto prima (un classico “A presto”). Nel periodo A.C. l’odio che provi verso la controparte che appositamente ti fa avere il mark-up al contratto venerdi’ alle 19.55, magari con la sarcastica chiosa “un CARO saluto e buon fine settimana” nell’e-mail di accompagnamento, viene pertanto stemperato in mille salamelecchi, tanto che quasi quasi ci credi anche tu, che invece che uno stronzo sia un caro ragazzo e dopo il magico “a presto” ti vien voglia di inserire pure qualche xxx. Nel periodo D.C. (hai chiuso l’operazione e quella checca isterica di controparte vivaddio non la vedrai ne’ sentirai mai piu’) tutto muta subitaneamente e radicalmente: l’incipit sara’ “Pier Alberto Maria” virgola e a capo; il condizionale si tramutera’ in imperativo “mandami la copia della fideiussione, e’urgente” e la chiusa sara’ rappresentata dalla mera firma elettronica. In merito alla tesi per cui gli stessi aggettivi verrebbero utilizzati e con il collega e con il proprio compagno/a, faccio notare che quanto sussurro tra le lenzuola al mio compagno/a non e’ propriamente quello che esprimo in conference call con la controparte, anche se -ammetto – presumo la controparte apprezzerebbe. (P.S. TristessE si scrive con la e, somaro).

    Lady Windermere

  38. Gordon Gekko (con due K) non era un avvocato d’affari…..Nn citare film se non li sai! 😛
    PS. questo riferimento ad Alby mi risulta familiare, è per caso un avvocato di milano, diciamo zona Scala???

  39. Gordon Gekko (con 2 K) non era un avvocato d’affari…non citare film se non li conosci! 😛

    PS questa accenno al ciao Alby mi risulta familiare. Per caso è avvocato a milano, diciamo zono la Scala??

    Jubiabà

  40. Ante Closing e dopo Closing….??

    Ante Closing e Post Closing credo abbia un suono più gradevole…o meglio ancora popongo before Closing and after Closing (unica lingua dai!!, o al limite frulliamo insieme latino ed inglese…ma latino, inglese ed italiano mi pare eccessivo!!)

  41. A Lady vorrei però dire che solo le donne nella stra-maggioranza dei casi non sono guardate male perché escono sempre tra le 8 e le 9. Sembra sempre che una donna possa farlo e un uomo no. Poi non stupitevi se non andate avanti….del resto forse non siete proprio fatte per questo lavoro

    IlSocioJunior

  42. Secondo me tu sei un fenomeno alla Dottor Jekyll e Mister Hyde… Non so, ho questa vaga impressione.

    E comunque la nuova collega, giustamente, vorrà mostrare le sue capacità… o no? 🙂

    Kiss

  43. Per 83: sarai socio, anche se junior, ma che sfigato…. stai li tutti i giorni a cronometrare le colleghe? e poi fai le statistiche? No, per carità: sono una gran fan delle generalizzazioni. Ti dirò, che, potendo, io uscirei anche alle 19,30, ma te no, mi sembra di capire. Sono contenta che tu abbia ragione: forse non sono proprio fatta per questo lavoro….. auguri per la carriera!!!! A proposito, se non andiamo avanti è perche generalmente siamo insicure-aggressive e sempre impegnate a far apire agli altri che ci siamo pure noi, ti assicuro che non è questione di orari

    GPquellavera

  44. @ GPquellavera
    ilsociojunior è una vecchia conoscenza, se cerchi in vecchi post trovi altri cammei di elevantissimo momento (e nei commenti successivi adeguate salve di pernacchie)

  45. psicopatologia di un blogger

    1 Non viene, maledizione, non viene. Eppure mi sembrava che ci fosse, che prendesse forma qualcosa. Un’idea, un concetto, un’idea…Aveva un senso, l’ha avuto per un minuto. Che cos’hai, dai, concentrati, lascia stare quella cazzo di tv
    2 Ahh. Liberazione. L’ho fatto. Ora riposa lì, estroflesso e immobile, felice in un letto di pixel. Perfetto. Un capolavoro. Quasi meglio di un orgasmo.
    3 Figuriamoci se non facevo la cazzata, ci ho messo il refuso, ci ho mwesso
    4 Possibile? E’ già lì da tre minuti e quattro secondi, ho fatto ventidue refresh e ancora nessun commento.
    5 Che cretino, sono le otto, è per questo, anche i bloggers mangiano.
    6 Ma cosa mangia un blogger? Uova sode?
    7 Dove cazzo siete, stronzi?
    8 Forse era troppo triste. Ora cambio il finale. Ci metto una battuta che alla fine chi legge si fa una risata e non gli rimane l’ovo sodo nel gozzo che poi mi rompe anche i coglioni che sono triste e perché vieni qui a riversarci tutti i tuoi problemi, perché non ti tiri un colpo e la fai finita.
    9 Sì, vabbè, mi sembra di fare lo sceneggiatore a Hollywood, che mi censurano il finale, lascio tutto com’è, ho una dignità io
    10 Ok, lo cambio
    11 Commenti (1). Emozione. Che faccio lo apro subito o aspetto?
    12 Clic. “Vieni a trovarmi nel mio blog. Un bacione”.
    13 Ma vaffanculo.
    14 Mi faccio un sorso d’acqua, va, che c’ho la gola secca. Deve essere il polline. Esce il polline dai monitor?
    15 Forse dai mac. Ma io ho un pc…
    16 Oddio, no guarda, otto, c’è scritto otto, come è possibile, mi sono allontanato un secondo e hanno scritto in otto, c’è una webcam che mi osserva? Siete tutti in agguato, bastardi?
    17 Ok, calma. In fondo sono i tuoi affezionati visitatori, a parte l’anonimo, che se lo acchiappo…
    18 Tra qualche giorno morirò o addirittura starò bene. In tutti i casi sarà finita.
    19 Pazzesco, tutti che parlano dei fatti loro, ma dico uno, uno solo che abbia riconosciuto la citazione, era facile no? nostra signora dei turchi, carmelo bene, dai…
    20 Guarda ShinyStat, fantastico, mi hanno trovato cercando “polimorfiche mani cianotiche ventricolo anamorfico”
    21 Ma quand’è che ho scritto “mani”?
    22 E poi anche Sasaki fa dei post chilometrici e tutti giù a osannarlo: che bravo, scrivi da dio, mi hai fatto emozionare. Ma avete visto la sua faccia sull’home page?
    23 Che cazzo. Ma perché non andate a commentare a casa vostra, troll maledetti, feccia dell’umanità?
    24 Ottantadue commenti. E adesso?
    25 Post scritti: 4. Visitati: 22. Commenti fatti: 132 in 12 diversi siti.
    26 Perché mi sento solo?

  46. basta vedere le donne che dopo non avercela fatta si riciclano come legali interni….astiose e mestruate come poche

  47. Anche gli uomini si riciclano come legali interni e sono dei veri frustrati; così come quelli che restano e pensando che essere stronzi=essere bravi avvelenano la vita di tutti quelli che incontrano.

  48. ormai è ovvio duch è in fase di trasloco, è chiaro ormai…bravo duch bella scelta quelli sono americani quelli pagano.

    Sempre Vostro Anonimo Numero 11

  49. Be’ evidentemente qualcosa ci devo avere beccato…

    Le donne lavorano meno e mordono di più perché cercano in tutti i modi di ingigantire quello che fanno…

    IlSocioJunior

  50. anonimo 93: è vero, tutti i legali interni sono dei frustrati, ma le donne in particolare si comportano con particolare acidità.
    Quanto a coloro che rimangono nella firm, mi sembra davvero evidente che il mercato stia iniziando a bocciare gli stronzi, quindi anche loro avranno vita dura

  51. beh è ovvio LW, secondo me al 100%…ma allora è un socio che si nascondeva 🙂

    bella scelta cmq se fosse vero

    Sempre Vostro Anonimo Numero 11

  52. scusate l’ignoranza… ma gli “studi illegali” sono solo quelli linkati da duch?! perchè visto che sto cercando di passare da uno studio illegale a uno studio normale non vorrei cadere dalla padella alla brace (i.e. da uscire alle 9 a uscire a notte fonda)… ormai tutti quelli con più di due nomi e un sito internet mi fanno paura!
    PS: sì sono una donna e non sopporto di uscire dopo le 19 e allora? ne vado fiera! il vero problema è che c’è una mentalità perversa per cui se esci prima ti guardano tutti male, quindi si passa la giornata a non fare un cazzo e si inizia a lavorare alle otto di sera… ma non ce l’avete una vita???

  53. pensa che io invece lavoro in uno studio normale ed esco tutte le sere tra le 20 e le 21, e sono malpagato.
    E allora pensavo che allora tanto vale cercare uno studio illegale. E’ possibile che gli orari si allunghino, ma almeno pagano bene.

    Per il resto si, ho una vita che difendo con le unghie e i denti, a fatica. D’altra parte i miei amici sono piuttosto comprensivi, e cenano sempre tardi.

  54. direi che non è detto si debba restringere la ricerca ai fantastici 5…
    i suddetti infatti (come prassi) si porteranno dietro associati e praticanti di fiducia…

  55. Scusate, ma ammesso che quello che dice toplegal è vero (assunto tutto da verificare) i fab5 se ne vanno a gennaio…
    poi mi pare che duch abbia scritto che non stava lì dove stavano i fab5.
    ergo io quasi quasi mi preoccupo…
    certo pure sarebbe una grande uscita di scena del duch, senza neanche avvisare, un ottimo modo per alimentare per sempre leggende del filone “Jim Morrison è vivo e vegeto”.

  56. Se è uno dei fab5 scommetto tutto quello che volete che è FC o SM (e propoenderei per quest’ultimo).
    AN non può essere (tu AN sai benissimo perchè), TA nemmeno (non scrivi abbastanza bene) e MCS è troppo obbediente.

  57. Gira voce che Bon. Er. Papp., Chiomenti and Er. and J. abbiano in progetto una fusione colossale; managing partner: ……… Duchesne (al momento sarà impegnato in business planning ed analisi delle economie di scala!!!!!).
    O forse è uno dei fortunati vincitori dei top legal awards, ancora impegnati nei festeggiamenti per l’esimio riconoscimento…!!

  58. Qualcuno è in grado di darmi delucidazioni sulla vita degli avvocati di azienda??

    Hanno ritmi lavorativi “umani” (per umani intendo nei limiti delle 10 ore al giorno e non oltre le 20.30 di sera) o anche loro vengono cannibalizzati??…ed i guadagni sono rapportabili a quelli di un dirigente pubblico o di un quadro aziendale …??

  59. …e poi mi domando, ma gli omini che vedo in giro la mattina con il loro vespino la scopa ed il secchio????…secondo me tra bar e vetrine alzeranno anche 60 euro al giorno….quasi quasi …….. (il vespino già ce l’ho, ramazza e secchio costituiscono un modesto investimento iniziale….e poi dietro le vetrine ci sono certe commesse da far girare la testa, altro che le colleghe tutte acide, scostanti ed impettite…).

  60. ….e poi mi domando, ma gli omini che vedo ogni mattina con il loro vespino, il secchio e la scopa???….secondo me alzeranno anche 60 euro al giorno tra bar e vetrine ….quasi quasi….(il vespino già ce l’ho, ramazza e secchio costituiscono un modesto investimento iniziale e poi dietro le vetrine ci sono certe commesse da far girare la testa, altro che le colleghe acide, scostanti ed impettite…)

  61. qualcuno ha avuto modo di leggere anche il blog e di rendersi conto che Duchesne è un associate e basta?

  62. Ciao Sociojunior, vedo che fai di tutto per starmi simpatico.
    Secondo me sei single…..

    GPquellavera

  63. Una volta questa era la “maschia professione”. Ora è la “professione uterina”.

    Donne, donne, donne, solo donne.
    In cancelleria, donne, dall’uff. giudiziario donne, in alula donne e poi argomentano da donne: “ufff. che caldo oggi” “ma dai, vedrai che adesso arriva un po’ di fresco” “ma io temo il freddo” ecc ecc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...