TI OFFRO UN CAFFE’

– “Ti dicevo. Sto leggendo un libro illuminante. Ma veramente. L’anima e il suo destino. Un certo Mancuso, mi sembra. Veramente profondo.”
– “Mmm… però non so, sono sincero, a me queste storie un po’ campate in aria, misteri, fantascienza, Codice Da Vinci, non è che mi facciano proprio impazzire.”
– “No. Questo è un saggio.”
– “Ma io non sto mettendo in dubbio l’intelligenza di sto tizio, ci mancherebbe. È proprio una cosa mia.”
– “Ma non l’autore. Il libro, è un saggio.”
– “Ah.”
– “Parla dell’aldilà, della vita eterna.”
– “Io sto leggendo un libro di Pasolini.”
– “Mi dicono sia parecchio porcello.”
– “Ma neanche tanto. Un pochino.”
– “Porcello porcello. Altrochè.”

Annunci

151 Pensieri su &Idquo;TI OFFRO UN CAFFE’

  1. … dipende da cosa sta leggendo di Pasolini! Comunque vi consiglio un libro: “Processo a Pasolini. La rapina del Circeo” di Umberto Apice, che mi sembra sia anche magistrato di Cassazione. Un altro libro illuminante è: Rodotà, La vita e le regole, (la postilla è intitolata “il processo”, dedicata interamente a PPP).
    Ciao ciao

  2. grande duch!!!
    lo considero anche un tributo a noi lettori che mettendo in mezzo il concetto di radical chic abbiamo richiamato alla memoria il grande pasolini

    -Billy Pilgrim-

  3. Duch ex machina.
    In barba ai presagi di avvenimenti oscuri e pericolosi, all’atmosfera apocalittica e alla mestizia preventiva.
    Se ieri il clima era da gita delle medie, oggi sembrava l’ultimo giorno d’estate al mare in quarta elementare. Le dediche sui diari segreti, le polaroid, lo scambio di indirizzi, le lacrime, TVB 4ever. Si intravedevano già gli ombrelloni chiudersi e mi era rimasta un po’ di sabbia nelle scarpe.
    Grazie del sollievo. E di Pasolini, naturalmente.

    Mia

  4. Duch,
    non puoi abbandonarmi adesso che ho appena iniziato a leggere il tuo blog. PER FAVORE continua!!!

  5. primo trapianto di post riuscito della storia.

    lo so che è tornato il duca, ma ormai gliela canto, con diverse intenzioni.

    @ Mia

    ‘cause I know you’ll like it. and you’ll dance…

    Girl, you’ll be a woman soon

    I love you so much, can’t count all the ways
    I’d die for you girl, and all they can say is
    “He’s not your kind”
    They never get tired of puttin’ me down
    And I never know when I come around
    What I’m gonna find
    Don’t let them make up your mind
    Don’t you know

    Girl, you’ll be a woman soon
    Please come take my hand
    Girl, you’ll be a woman soon
    Soon you’ll need a man

    I’ve been misunderstood for all of my life
    But what they’re sayin’, girl, just cuts like a knife
    “The boy’s no good”
    Well, I finally found what I’ve been looking for
    But if they get the chance, they’ll end it for sure
    Sure they would
    Baby, I’ve done all I could
    Now it’s up to you

    Girl, you’ll be a woman soon
    Please come take my hand
    Girl, you’ll be a woman soon
    Soon you’ll need a man

    Girl, you’ll be a woman soon
    Please come take my hand
    Girl, you’ll be a woman soon
    Soon, but soon you’ll need a man

    Girl you’ll be a woman soon, nella versione degli Urge Overkill, 1992

    @ Isdenora

    congratulazioni. hai raggiunto un bel traguardo, ora ti ritroverai di nuovo ai blocchi di partenza.
    sono rimasto a lungo indeciso tra questa e Mrs. Robinson di Simon&Garfunkel ma, nonostante uno Schifani presidente di senato, ergo vicepresidente della repubblica (ok scusate basta politica o non se ne esce vivi), italians do it better.

    Mani in alto fuori di qua
    Non resteremo più prigionieri
    Ma evaderemo come steve mc queen
    O come il grande clint in fuga da alcatraz
    Senza trattare niente con chi
    Ha già fissato il prezzo al mercato
    Nei nostri sogni e dentro ai nostri giorni e per la nostra vita

    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi, liberi, liberi
    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi, liberi, liberi
    Liberi tutti

    Dai virus della mediocrità
    Dai dogmi e dalle televisioni
    Dalle bugie, dai debiti, da gerarchie, dagli obblighi e dai pulpiti
    Squagliamocela
    Nei vuoti d’aria della realtà
    Tracciamo traiettorie migliori
    Lasciando le galere senza più passare dalla cassa

    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi, liberi, liberi
    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi, liberi, liberi
    Liberi tutti

    Da ciò che uccide te e tutto ciò che ho intorno

    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi, liberi, liberi
    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi tutti
    Liberi, liberi, liberi
    Liberi tutti

    Da ciò che uccide te e tutto ciò che ho intorno
    Dall’uomo che non è padrone del suo giorno
    Da tutti quelli che inquinano il mio campo
    Io mi libererò perché ora sono stanco

    Subsonica feat. Daniele Silvestri, Liberi tutti, 1999

    @ Lady Windermere

    in chimica, ai reperti ciocco-eccezionali (come direbbe il dott. nick dei simpson) ho sempre preferito il salato: il top è stato pane gorgonzola e salame. e tanta birra gelida, che accarezza la gola come una donna con i capelli un cuscino. ovviamente non ero in facoltà.
    e poi che dire. hai postato versi di uno dei pezzi più belli degli 80s, e di sempre. non posso che dedicarti un altro big 80s, che solo ad una Lady si può regalare…

    When I’m with you baby, I go out of my head
    And I just can’t get enough, I just can’t get enough
    All the things you do to me and everything you said
    And I just can’t get enough, I just can’t get enough

    We slip and slide as we fall in love
    And I just can’t seem to get enough

    We walk together, we’re walking down the street
    And I just can’t get enough, I just can’t get enough
    Every time I think of you I know we have to meet
    And I just can’t get enough, I just can’t get enough

    It’s getting hotter, it’s our burning love
    And I just can’t seem to get enough

    I just can’t get enough x16

    And when it rains, you’re shining down for me
    And I just can’t get enough, I just can’t get enough
    Just like a rainbow you know you set me free
    And I just can’t get enough, I just can’t get enough

    You’re like an angel and you give me your love
    And I just can’t seem to get enough

    I just can’t get enough

    Depeche Mode, Just can’t get enough, 1981

    @ Duchesne

    dopo più di un mese di silenzio ho paura quando dico che forse le voci non sono poi infondate.
    ti dico solo con una baciata da paura: resisti e fanculo ai giornalisti!

    Ci vuole un fisico speciale
    per fare quello che ti pare
    perché di solito a nessuno
    vai bene così come sei
    Tu che cercavi comprensione sai, comprensione sai
    Ti trovi lì in competizione sai, competizione sai

    Ci vuole un fisico bestiale
    per resistere agli urti della vita
    a quel che leggi sul giornale
    e certe volte anche alla sfiga
    Ci vuole un fisico bestiale sai, speciale sai
    anche per bere e per fumare sai, fumare sai.

    Ci vuole un fisico bestiale
    perché siam sempre ad incrocio
    a sinistra a destra oppure dritto
    il fatto e’ che e’ sempre un rischio

    Ci vuole un attimo di pace sai, di pace sai
    di fare quello che ci piace sai, mi piace sai
    Come dicono i proverbi
    e lo dice anche mio zio
    mente sana in corpo sano
    e adesso son convinto anch’io.

    Ci vuole molto allenamento sai, allenamento sai
    per stare dritti contro il vento sai, contro il vento sai

    Ci vuole un fisico bestiale
    per stare nel mondo dei grandi
    e poi trovarsi a certe cene
    con tipi furbi ed arroganti

    Ci vuole un fisico bestiale sai, speciale sai
    anche per bere e per fumare sai, fumare sai
    ci vuole un fisico bestiale
    o il mondo e’ un grande ospedale
    e siamo tutti un po’ malati
    ma siamo anche un po’ dottori
    e siamo tutti molto ignoranti sai, ignoranti sai
    ma siamo anche un po’ insegnanti sai, insegnanti sai

    Ci vuole un fisico bestiale
    perché siam barche in mezzo al mare.

    Luca Carboni, Ci vuole un fisico bestiale, 1992

    smith

  6. É arrivato sul pallone con il botto del cannone
    E’ arrivato sul treruote con la gotta sulle gote /
    E’ arrivato in aerostato, coi forzuti del Caucaso /
    sul Mercedes cabinato e’ arrivato il Duke hurra’ /

    Siccome solo solo un filino egocentrica mi sono autoconvinta che il Signor Duchesne si riappalesi quando sente le MIE invocazioni.

    Mi sento come la strega Amelia che sorvola il Vesuvio a cavallo di una scopa, come Iris il mago egiziano de Le 12 fatiche di Asterix, penso financo di detenere il potere del fiore magico di Lulu’ l’Angelo dei Fiori.

    (Non cercate di convincermi del contrario, giacche’ negli ultimi 10.000 post di commenti l’ultima apparizione della cravatta rossa tra noi l’ho evocata IO).

    Gentile Signor Duchesne: che dirLe? E’ addirittura spuntato il sole in questo momento: sto vivendo un momento di intensa commozione, quasi come quando da Gucci fanno i saldi al 50%.

    Non sparisca piu’cosi’, senza neanche far finta di uscire a prendere le sigarette.

    Lady Windermere

  7. Spero che CI rendiamo conto di quanto siamo fuori di testa…presagi oscuri e sinistri ….osanna, giubili e invocazioni…canzoni, “canne” ed egocentrismi…in attesa…come se un post ci desse il diritto di continuare nelle ns farneticazioni..nelle ns divagazioni e speranze….
    c’è già una community ve ne rendete conto vero? ….. gli avvocati sono ufficialmente una delle categorie più fuori di testa che abbia mai conosciuto… deus ex machina compreso…

    PEL

  8. ????
    Per me questa volta il Duch ha chiesto ad un suo praticante di scrivere due righe per riempire uno spazio.

  9. è tornato, evoè! e noi lo proteggeremo, come dicevo là sotto

    hurrà hurrà hurrà

    [sì, PEL, hai ragione – siamo certamente una categoria di fuori di testa; gente che nutriva e tuttora nutre un pensiero libero, che un po’ per amore un po’ per forza si incasella la mente in clausoline infernali e labirintiche. che alla fine ci piacciono, ma no che non siamo revisori. e dunque un po’ ci stiamo male. e allora eccoci qua. ognuno con le sue vie di fuga, la lady con le jimmy choo e gli altri come riescono. besos. i love this blog]

    (nussbaum)

  10. Nuss,

    in effetti mancava un logo … se al posto del pic nic un po’ demodé si lanciasse la moda di indossare un capo di abbigliamento con la scritta

    “I love Duch” o anche “Duch free” …

    dimostriamo di non essere revisori (con tutto il rispetto) ma un “ordine”… “fieri di Duch” …..

    PEL

  11. Io non sono un avvocato e posso rassicurarvi, cari amici legulei: non siete più fuori di testa di altri “professionisti seri” (bancari, consulenti, professori, …). State sereni!

  12. Allora @23 se mi dici dov’è il blog “segreto” dei “bankers” e soprattutto quello dei “ginecologi” vado a farci un giro immediatamente…
    PEL

  13. @PEL: direi che bisognerebbe fare i gemelli, che so, con stilizzata la D di duch e dentro una cosa simboleggiante la cravatta rossa. Discretissimi da portare ma immediati da riconoscere sui polsini del confratello.

    (nussbaum)

  14. @PEL: i gemelli, ci vorrebbero,. con su la D di duch e stilizzata una cravatta rossa

    discretissimi, ma di immediata riconoscibilità per i confratelli

    per le donne non saprei

    (nussbaum)

  15. scusate le ripetizioni ma per qualche ragione non mi piglia mai il primo commento. riscrivo, e li piglia tutti e due. boh.

    (nuss)

  16. La cravatta rossa in effetti ce l’ho…sui gemelli non so…anche perchè poi bisgna trovare qualcosa per le ladies che non faccia troppo capodanno…
    PEL

  17. rilancio il tentativo andato a vuoto la scorsa settimana per gli illegali milanesi, anche per festeggiare il ritorno del Nostro: aperitivo domani sera (mercoledì) da qualche parte in centro? straf?

  18. @ Smith

    Grazie. A questo punto, però, noto che ci siamo giocati tutti i momenti topici del film… promettimi solo che non ti verrà mai voglia di farti avanti brandendo un punturone da infilzarmi appena sotto lo sterno. Io non frugherò nelle tasche di alcun impermeabile e la barzelletta del pomodorino se vuoi te la racconto lo stesso. Anche se tanto non fa ridere.

    @ Lady

    Il fulmine a ciel sereno mi ha stordita e, si sa, ubi maior… Ma, giacché Smith ha trapiantato, non mi lascio sfuggire il gustoso dibattitto.
    Quindi: il chiostro, l’auletta, chissà se mai ci incrociammo? Ho bivaccato spesso da quelle parti per questioni di cuore (se così si può dire). Ma anche perché l’Università dove invece mi sono laureata è una dépendance della più grande caserma della città, e il massimo dello sballo era bere un po’ di acquasanta.
    Vorrei ricordare i giorni in cui sembravano manna le luride patatine dei peggiori bar di Caracas. (E qui mi permetto però di sconsigliare le Dixies: troppo attrito. Soddisfano, è vero, ma con la lingua già un po’ felpatina ingolfano “anzichenò”.)
    La peggior cosa invece è stata ritrovarsi a notte fonda a casa di qualcuno che nell’armadio aveva solo uno stock di Pizzette Catarì, probabilmente ritirate dal commercio una decina di anni prima.
    Anch’io ho sempre prediletto il salato, con un’unica eccezione ad alto contenuto di zuccheri: i dolcetti al pistacchio dell’indiano verso Porta Romana. Credo che ora, grazie agli introiti di quelli che gli ho mangiato, sia solito riposare le sue chiappe nel retrobottega adagiato su una chaise-longue di Le Corbusier.

    A tutti i fan dei Duran Duran:
    sono un po’ invidiosa, quando avevo 14 anni io si limonava col sottofondo di “Come mai” degli 883. E Max Pezzali non è esattamente Simon Le Bon, ma questa è un’altra storia…

    Buona serata

    Mia

  19. Ma quanto è affascinante quest’ uomo?! Ahhhh…. (sospiro).

    @ Smith: grazie!!!! ^_^

    @Gli illegali in realtà correttori di bozze, che correggono i commenti per deformazione professionale: lo so, non si comincia il periodo con una congiunzione. Perdono.

    Nota per il 23: simpatico. Informarsi sul conto in banca.

  20. mi sia concesso dirlo, st’ultimo post è insipido.

    l’aperitivo degli illegali. ci sto! propongo appuntamento, domani sera, da aimo e nadia. così facciamo un po’ di selezione naturale. ore 20, puntuali. prenoto io. lady windermere la riconoscerete, perché è quelle con le tette asfittiche che le arrivano alla panza, sopra l’ombelico.

    nei commenti al penultimo post, c’era uno che chiedeva il cilum perché aveva letto una cosa tipo “legge finance legame eleganza”. toglimi una curiosità. ma è la brochure di legance?? se fosse così……ahahahah!!! altro che diui….

    – kurtz –

  21. Mannaggia! E’ troppo tardi per la cena immagino (appena tornata da sobrio festeggiamento per Alemanno sindaco)? Mi confermo, come di consueto, quella dell’attimo fu dopo… Chissà se ci saranno altre buone nuove per rinnovare l’invito!

    Il sole ha mietuto vittime anche dalle mie parti, sto pian piano cercando di riassumere il controllo della mimica facciale, il che mi impedisce anche di fare smorfie di dolore quando sulla mia strada compare “impairment of assets”… Comunque, caro Elefantino, mai ebbi il dubbio sulla paternità dei post, login o non login!

    Duchesne, bentornato!

    Trinity

  22. Lo so, sono egocentrica; per questo non posso fare a meno di commentare ogni notizia per il solo immenso gusto di vedere il mio nome comparire in un blog ove sarà letto da migliaia e migliaia di miei potenziali fans.
    Ecco perchè il caro Sig. Duchesne si riappalesa ogniqualvolta sente le MIE invocazioni, con quegli urletti un pò così, con quegli effetti un pò filmino hard di terza categoria.
    E non provate a convincermi del contrario, giacchè negli ultimi 10.000 post l’egregio Dott. Duchesne si è palesato sempre e soltanto quando, stanca di guardare amorfa uno schermo del computer, ho deciso di dare sfogo alle mie fantasie erotiche.
    Mi sento come l’idra di Lernia (perchè a me piace lasciare degli errori che voi cari internauti scoprirete); mi sento come Nocciola la fattucchiera, la cui fulgida bellezza spero un giorno di poter eguagliare uscendo da questo corpo idiota; mi sento affaticata, come dopo le 12 volte che Asterix…beh, dopo le famose 12 fatiche di Asterix che mi hanno visto protagonista. Penso anche di detenere il potere magico dei fiori, ed in particolare dei papaveri, dei quali l’effetto mi solletica un sotterraneo ed indicibile piacere, che mi porta a scrivere genialate che sottopongo alla vostra cortese attenzione.
    Sono sincaramente commossa, quasi come quando un vero Illegale mi chiede di tenere le mie scarpe di Gucci, comprate dal caro Senegal sotto il monolocale in cui vivo in affitto, mentre mi infila 50 euro in mano e mi chiede di passare con lui la notte. E dire che in questi casi sono solita fare anche i saldi al 50%…50 euro per me sono decisamente troppi.
    La prego, pregiatissimo Sig. Duchesne, non ci lasci più in balia di pazzi farneticanti, senza neanche far finta di uscire a prendere le sigarette.

    Lady Sfintermerd

  23. davvero deboluccio il post. Forse solo per interrompere il digiuno. Certo e’ che c’e’ un po’ di ipocrisia dei celebratori del ritorno di Duch. Sanno benissimo che senza un post ogni tanto viene loro rubato il palcoscenico, cosi’ sperano che il Duch pubblichi. Ma qualcosa abbastanza insignificante da passare inosservato, senza che neanche un commento lo menzioni. Come in questo caso.

  24. grande morìa di avatar da queste parti… peccato.. quello del proprietario, qui, della baracca di pixel, non è niente male. Potrebbe farcela a vincere il nostro concorso…

    quando volete davvero cazzeggiare duro venite a votare l’avatar alla carriera (di blogger).

  25. Per me da aimo e nadia potrebbe andare bene, anche la cravatta rossa potrei comprarla dai cinesi in corso Vittorio Emanuele. Unico problema: non guadagno abbastanza per poter permettermi i gemelli (ricordate la regola del 100.000 euro?).

    200 euro lawyer

  26. oh, là!
    un mese; tante chiacchiere (e distintivi); alti e bassi; qualche frecciatina, insulto, battibecco; gite scolastiche e pizzate di fine anno; canzoni, film e libri; aperitivi e giardinetti pubblici.
    Un’unica cosa in comune: il piacere di ritrovare il padrone di casa (al quale però non risparmierei una tiratina d’orecchio per il contributo stringato) e di festeggiarne il ritorno.
    vabbè, grazie! ero abbastanza stufa di leggere che “Nicola, come compagno di stanza, non è affatto male”!
    speriamo solo che questo caffè non debba durare un mese!
    ;D

    RR

  27. si dice che arrivi per tutti il momento di scegliere, prima o dopo.

    ho da pochi giorni rivisto “vanilla sky”, remake del superiore “apri gli occhi”. e mi è balenato nel cranio un episodio che ho vissuto anni fa…

    presi una decisione. poi capitò qualcosa, molto tempo dopo, che mi fece ripensare a quella scelta, che non credevo così fondamentale…era un dettaglio di una azione. invece ha determinato, profondamente.

    mai successo?

    smith

  28. “Legance è un ottimo esempio di come il nome dica semplicemente tutto. Tre sillabe
    che sono portavoce morfologico di un modo nuovo di posizionarsi e di agire nel settore legale.
    E semanticamente la topografia orizzontale degli orizzonti comunicativi del nome: legge,
    finance, legame ed eleganza”.

    ..Ma và a cagare..

    alex

  29. Il richiamo al concetto di “dimensione contenuta rispetto ai main players del mercato di riferimento e la volontà di porre l’accento sulla relazione personale e diretta coi clienti” mi ha prepotentemente richiamato alla mente Jerry Maguire.
    Non è che salta fuori che uno dei soci fondatori di Legance è Tom Cruise e che quello di Gianni Origoni era Dicky Fox (mentore di Jerry)?
    LH

  30. Ti sbagli, dato lo standing della brochure il socio fondatore non può che essere Luca Giurato.

  31. Oggi scrivo qualche cosa non per dar da mangiare ai correttori di bozze, ma a chi si esercita nella parafrasi.

    Una cosa mi pare chiara: serpeggia una certa voglia di adolescenza tra i nati nei magici Seventies.

    Il mio amico Fabiano (per gli amici Fabi o Anus) dice che e’ una malattia, l’ha anzi diagnosticata come “Teenegerite”.

    Fabi e’ un illegale mancato per aver scelto,dopo una brillante laurea in legge, di iscriversi a psicologia: scelta probabilmente influenzata da anni di frequentazione con me e la Bee, frequentazione talmente assidua da meritarci l’appellativo, ai tempi dell’universita’, di “Trittico Permanente”.

    Il buon Fabi, dotato di un senso della diplomazia alla Gianni Letta, ci ha discretamente parato il kiulo in piu’ di un’occasione: una per tutte la volta che, in una gara di gavettoni, la Bee penso’ bene di riempirne uno facendoci la pipi’dentro e scagliandolo contro un nerboruto vicentino, che reagi’ tirando giu’ tutti i santi del Paradiso a bestemmie in veneto stretto: se Fabi non si fosse messo di mezzo convincendolo che quell’aroma dolciastro che sentiva addosso era dovuto a un gavettone al miele, credo che la Bee non sarebbe tornata a casa intera.

    C’e’ un’immagine di noi tre che mi sta particolarmente a cuore: una volta che stavamo andando a una festa a tema clericale, lui vestito da Padre Ralph ma con occhialone da sole alla Blues Brothers, io abbarbicata dietro al suo Ciao in versione Sister Act con le Superga bianche che mi reggevo il velo e la Bee che ci precedeva sulla sua Vespa dal colore improbabile vestita da Abate Faria: faceva talmente la figa con la sigarettina (credo corretta, conoscendola) che aspirava laterale stile Gighen, che acellerando a un incrocio per far sventolare meglio il suo mantello, questo le si e’impigliato nella routa posteriore semi-causando un incidente di dimensioni catastrofiche.

    Bytheway Fabi ha stabilito che soffriamo di “Teenegerite”, che viviamo nel rimpianto degli Inventaricci di Garnier, di quando il fidanzatino del liceo si firmava le giustificazioni per uscire un’ora prima e farsi trovare fuori dalla nostra scuola allo squillo della campanella dell’ultima ora e della collezione di magliette dell’Hard Rock Cafe’.

    Ha cercato di farci capire che questo si ripercuote sulla vita sentimentale, la quale non coincide – come noi ci ostiniamo a credere – con il folgorante magico momento in cui Candy vede Anthony e tutta l’aria intorno si colora di pallini multicolor e che, soprattutto, dovremmo imparare ad apprezzare i so called bravi ragazzi invece dei caxxoni che ci attraggono senza scampo.

    Io gli ho spiegato non puo’pretendere da me, che ho amato perdutamente, nell’ordine: Terence, Dylan di Beverly Hills 90210 , Nuanda, Sick Boy il biondo di Trainspotting e il Dandi di Romanzo Criminale, un’improvvisa passione per un affidabile e squadrato revisore con gli occhiali sul naso. Ma lui ci sta lavorando: mi ha proibito di ascoltare i Cure, di leggere Moccia e di appendere i poster di Riccardo Scamarcio, degli A-HA e di Justine Timberlake in camera.

    Gli faccio credere che sono in piena guarigione cosi’ non mi ammorba con le sue paternali e poi devio il discorso sulla Bee che ha molto altro da sanare per raggiungere la stabilita’ mentale.

    Comunque l’ultima volta che io e Fabi siamo andati a trovare la Bee, girovagando per Linate senza farmi notare ho fatto in modo di infilarmi al Duty Free, scovare la confezione campione di Le Male di J.P. Gaultier e irrorarmi di quel profumo dalla testa ai piedi. Sull’aereo mi ha guardato sospettoso mentre mi stringevo nel cachemire di un maglione oversize, sorridendo beata e ascoltando una certa canzone del mio I-pod.

    Fabi: (togliendomi l’auricolare)”Di chi e’questo maglione Lady?”
    LW: “UFF. E’ di M.”
    Fabi:”ANCORA EMME?”
    LW: “Insomma Fabi ho capito che dovrei tagliare i ponti col passato, ma mica posso buttare un quattro filati nella pattumiera per questo!”
    Fabi: “Mmm”.
    (Mi rimetto le cuffiette).
    Fabi: (ri-staccando l’auricolare): “Ma quello che hai addosso non e’un profumo maschile?”
    LW: (Taccio, tanto ha capito che e’ il profumo di Emme. Accenno un timido sorriso a mo’di giustificazione).
    Fabi: “MA CRISBIO! SONO PASSATI 8 ANNI! COME CASPITA DEVO FARE CON TE? ISCRIVERMI A PSICHIATRIA???”.

    E passa il resto del viaggio con un’espressione a meta’ tra il deluso e l’incazzato, mentre io continuo a farmi i miei viaggetti mentali, favoriti altresi’ dal paesaggio di nuvole che vedo dal finestrino.

    Per fortuna arriviamo a destinazione e la Bee, guidando verso casa, riesce a stemperare la tensione annunciando: “Ehi vi spiace se facciamo un pit stop nel negozio di Hallo Kitty? Devo vedere se e’arrivato il telo mare di di Keroppi la Rana che avevo ordinato”.

    (Pianto composto di Fabiano sul sedile posteriore).

    Lady Windermere

  32. cara lady, penso che – in fondo in fondo – ti senti in perenne concorrenza con duch: se lui scrive una cosa divertentissima, tu provi a scriverne un’altra altrettanto divertente, se il nostro padrone di casa scrive qualcosa francamente inutile (tipo l’ultimo post), tu – se possibile – ne scrivi uno ancora più inutile: con l’aggravante però che mentre il nostro riesce ad essere conciso e simpatico, tu – se possibile – sei più logorroica di una press release di legance. con immutata stima.

    ps sei stata tu a scrivere il pezzo di legance, confessalo!

  33. Qualcuno ha gia` comprato Top Legal? Non e` che potreste anticipare la top 20 dei fatturati degli studi legali…?

  34. …concordo, l’ennesima assurdità italiana. Pensate nei piccolissimi centri, dove il “ricco” locale attirerà inevitabilmente personaggi cone Istvan, Marku e Radu convinti di trovare lingotti d’oro in casa del malcapitato.

  35. concordo sull’inopportunità di permettere libero accesso alle dichiarazioni dei redditi. Però sottolineo che non è un’assurdità italiana. In molti Paesi del Nord già da alcuni anni è possibile accedere alle dichiarazioni dei redditi di chiunque

    alex

  36. … ma le foto di Legance le avete viste ? Sembra la selezione dei concorrenti del grande fratello …

  37. Cara Lady Windermere,

    noto con una punta di delusione che non cogli il senso più profondo del mio punzecchiarti su Sex and the City.
    Hai presente quando ti si para innanzi un talento con delle sovrastrutture che lo imbavagliano? Chessò, ti è mai capitato di avere sotto mano un praticante sveglio e intelligente, ma laureato in giurisprudenza in Bocconi?
    Ecco, quando ti imbatti in uno così, cerchi di spiegargli che deve liberarsi da pericolose incrostazioni ed ancor più pericolosi schemi mentali, per librarsi leggero verso i cieli più alti del pensiero giuridico – perché altrimenti l’unica strada che gli si para innanzi è il restare impantanato nei rivoli meschini e ignoranti di quel percolato giuridico che sono gli atti prodotti dagli studi illegali.
    Leggendoti provo lo stesso sentimento: come saresti adorabile senza le incrostazioni americanofile! Quanta ironia guadagneresti! E quanto meglio sfrutteresti le tue pur notevoli letture e la tua capacità di giocare con i riferimenti incrociati!
    Mi hai risposto con una stilettata deliziosa nella forma ma poverella nella sostanza: la schermidora fa il gesto elegante ma non tocca neanche il braccio all’avversario, figurarsi il busto.
    Eppure basterebbe così poco… un po’ di tv in meno, un senso critico più vigile nei confronti di quel piccolo mondo antico e désabusé, frivolo per scelta (senza averne la natura), autocompiaciuto e femminil(ista) delle riviste di moda e dei salottini bene del lombardo-veneto.
    Il Suo profumo è il Suo profumo, il Suo maglione è il Suo maglione: ai veri sentimenti non servono brands, né dettagli finto snob.
    E poi, oggigiorno un quattro filati se lo può permettere chiunque, finanche un qualsiasi illegale catanzarese o – peggio ancora – brianzolo. Il ne faut que de l’argent.

    La bise à toi,
    Bardamu

  38. Ah, un’altra cosa: un ex compagno di università di un amico della ex di un mio amico, che adesso sta da BEP, mi ha detto che…

    …Duchesne oramai soffre di ansia da prestazione.

    Bardamu

  39. secondo me le foto fanno molto “legge finance legame eleganza” (detto come lo direbbe valentino-ballantini)

    ps sbaglio o sono un pò ritoccate? un pò di colore qua, un cicinin di effetto calza colà….

  40. Non capisco le lamentele, questo non è un post. E’ un TI OFFRO UN CAFFE’, di quelli che una volta erano pubblicati con cadenza settimanale preferibilmente di giovedì. Ed è bello che sia ricomparso a celebrare il primo compleanno del blog.

  41. le foto di DIUI le ha scattate Oliviero Toscani e gira voce che quella di Bruno Gattai vincerà il World Press Photo of the Year 2009.

    alex

  42. mitico legance!!

    “…l’importanza dell’eleganza negli studi legali….” abominevole….mi stimola il vomito più del gavettone di piscio dell’amica di lw

    che poi per coerenza, tutti i partner di legance girano con la daewoo leganza.

    praticamente sarà andata così. i partner di legance sono andati dalla società che pensa ai nomi. e quelli, pur di giustificare la fattura a tre zeri, gli hanno appioppato un nome ridicolo e il foglio con la pappardella della spiegazione “legge finance ecc ecc”. e loro lo mettono nella brochure!!! a ridicoli!!!

    a sto punto, io il mio studio illegale lo chiamerò “lovelicitors”. sottotiloto, gli avvocati dell’ammmore. dove “lov” richiama l’amore ama anche la law, la legge.e “licit” suggerisce che tutto è lecito, per i soLICITOR. anzi, mmò vado subito a registrare il marchio

    e non parliamo delle foto…sembrano quelle dei book fotografici…ahahah

  43. l’altro giorno avevo una riunione da legance. il buttafuori all’ingresso nonmi ha fatto entrare. motivo: avevo i pallini della cravetta con un diametro superiore ad 1 cm. e poi sotto avevo una camicia a righe

  44. se vuoi la prossima volta ti faccio entrare io…stasera ho prenotato il tavolo nella sala riunioni

  45. Trinity mia adorata,
    le occasioni non mancheranno di certo.
    E dovessero mancare, beh, ce le inventeremo ad hoc. Anzi, come scrivono taluni “on ad hoc basis” (dove sta la crusca????)

    Tanto per fare un esempio la settimana prossima ci sono ben 7 miei non-compleanno da festeggiare…

    Delicatissimi baci

  46. l’altro giorno ho mandato un’email a un collega di legance per una barbosa negoziazione di atti di rilascio e ho ricevuto il seguente messaggio di risposta:

    “La ringraziamo per la Sua e-mail.

    Siamo spiacenti di informarLa che la Sua e-mail non soddisfa le quattro caratteristiche del nostro studio – legge,
    finance, legame ed eleganza – e pertanto non sarà letta da alcun componente del nostro studio.”

  47. mah…deve essere una sorta di delirio collettivo, una strana psicosi. Un pò come quelli che si fermano a vedere gli incidenti accaduti sull’altra corsia (proprio non capisco)

  48. Niente.
    Il sito dell’agenzia delle entrate è ora bloccato e sospeso per decisione dell’authority.
    Peccato.
    La giustizia fiscale iniziava da lì.
    Pur essendo un privilegiato (e quindi mi da fastidio che i miei redditi vengano resi conoscibili a chiunque), trovo l’idea geniale: all’interesse del singolo alla riservatezza viene contrapposto l’interesse della collettività a conoscere i furbi.
    Poi mi sono svegliato e mi sono reso conto di essere in un paese ocnfessionale sì, ma nell’oscurità dell’ipocrisia monoteista (“ego te absolvo”).
    Vaffanculo.
    Avv. Samoano.
    p.s.: e intanto i liberali moderati festeggiano l’avvento di Alemanno con abbondanza di saluti romani. Almeno il 25 aprile di pugni alzati non ne ho visto nemmeno uno.

  49. elefantino, ormai devi firmarti Neo, per la felicità di trinity.
    suvvia piglia questa pillola rossa, e vedrai quanto profonda è la tana del bianconiglio.

    e a proposito del white rabbit, saluto il ritorno dell’avvocato samoano, auspicando anche quello di giongion…

    One pill makes you larger
    And one pill makes you small
    And the ones that mother gives you
    Don’t do anything at all
    Go ask Alice
    When she’s ten feet tall

    And if you go chasing rabbits
    And you know you’re going to fall
    Tell ‘em a hookah smoking caterpillar
    Has given you the call
    Recall Alice
    When she was just small

    When men on the chessboard
    Get up and tell you where to go
    And you’ve just had some kind of mushroom
    And your mind is moving slow
    Go ask Alice
    I think she’ll know

    When logic and proportion
    Have fallen sloppy dead
    And the White Knight is talking backwards
    And the Red Queen’s “off with her head!”
    Remember what the dormouse said:
    “FEED YOUR HEAD”

    Jefferson Airplane, White rabbit

    e ricorda: quando arriva a quella fantastica nota, dove il coniglio si stacca la testa con un morso.. voglio che tu getti quello schifo di radio nella vasca, con me dentro.

    smith

  50. Avv. Samoano, non me ne volere.. ma ogni volta che leggo il tuo nick ti immagino come Benicio del Toro in “Paura e delirio a Las Vegas” che veste i panni, appunto, dell’avvocato samoano.

    Chet Baker.

  51. 25 aprile

    fischia il vento
    urla la bufera
    scarpe rotte e pur si deve andar

    a conquistare la rossa primavera
    dove sorge il sol dell’avvenire

    …e dire che al nord abbiamo dato il sangue per l’Italia…
    guardateci ora……

  52. Per alienoillegale post 63: dato che la Mafia l’abbiamo inventata noi, prima di parlare di gente dell’est europa dovremmo riconoscere che quanto guadagna il riccone potrebbe interessare anche Toto’, Bernardo e Giuseppe…bienvenue au pays des nouveaux riches…

    Godunov

  53. SChifani: seconda carica dello Stato…
    “Sua eccellenza Filippo Mancuso, solitamente bene informato, ha definito così il suo ex compagno di partito: «Un avvocato del foro di Palermo specializzato in recupero crediti». Schifani gli ha risposto con una lettera in cui difende la sua «onesta e onorata carriera» e nega di avere mai svolto una simile attività. Negli archivi della Camera di commercio di Palermo risulta però una società, oggi inattiva, costituita nel 1992 da Schifani con Antonio Mengano e Antonino Garofalo: la G.M.S. L’avvocato Antonino Garofalo (socio accomandante come Schifani) è stato arrestato nel 1997 e poi rinviato a giudizio per usura ed estorsione nell’ambito di indagini condotte dal sostituto Gaetano Paci della Procura di Palermo. L’ex socio di Schifani è ritenuto il capo di un’organizzazione che prestava denaro nella zona di Caccamo chiedendo interessi del 240 per cento. Schifani non è stato coinvolto nelle indagini ma certo non deve essere piacevole scoprire di essere stato socio con un presunto usuraio in un’impresa che come oggetto sociale non disdegnava: «L’attività esattoriale per conto terzi di recupero crediti e l’attività di assistenza nell’istruttoria delle pratiche di finanziamento…».”

  54. Io spero che samoano scherzasse…
    A parte che la dichiarazione dei redditi irpef non rispecchia il patrimonio e il reddito complessivo (ne sono esclusi i redditi sottoposti ad altra tassazione per esempio); in ogni caso ci rompono il cazzo con la privacy su tutto e poi come canto del cigno, come ultimo atto da vampiro, come colpo di coda della bestia morente, Visco pubblica i redditi di tutti incitando la delazione, la litigiosità fra i cittadini (la delazione è uno strumento dei totalitarismi, della germania est, suppongo da te samoano molto amata). Io credo sia stata una vergogna pubblicare così con nomi e cognomi e indirizzi… Altro che 1984!!! Io potrei avere redditi da lavoro minimi ed avere avuto in eredità un grosso patrimonio su cui ho già pagato tutte le tasse che dovevo pagare: ecco il vicino invidioso che mi denuncia perchè mi crede a torto evasore…
    E cmq io pago tutto fino all’ultimo centesimo e siccome i miei redditi sono cazzi miei e solo miei, lo stato mi deve risarcire per aver violato la mia libertà!

  55. mia mamma dice sempre:” male non fare, paura non avere”. Sono assolutamente d’accordo col provvedimento visco. In un paese civile la dichiarazione dei redditi non deve essere un tabù. Io ho un sacco di amici che ti dicono magari qunte relazioni extra – coniugali hanno all’anno e dove le consumano e con chi ma se gli chiedi quanto guadagnano piuttosto che dirlo preferiscono subire torture medievali. Questo è e resterà sempre il paese dei furbetti…

    200e.l.

  56. GOVERNO: QUASI PRONTA LA SQUADRA

    …Ai Beni culturali è dato per sicuro Sandro Bondi…

  57. No 200 e.l. non è questione di furbetti, è questione di riservatezza. Io non sono furbo, ma quanti soldi sono fatti miei e solo miei. Però visto che sei d’accordo dichiara nome e cognome su questo forum indirizzo di casa e quanto guadagni. Inizia tu a dare il buon esempio. A ruota toccherà al Samoano.
    Io invece sottoscrivo la proposta di Grillo.

  58. Ma che ingnoranza! In nessun paese democratico vengono pubblicati i redditi in questo modo vergognoso! Ma come si può anche solo pensare una cosa del genere!
    duch you are awesome dude.

  59. 95, perchè non rendi pubblico tutto ciò che fai, ogni cosa se “male non fare, paura non avere”? Forza, abbi anche il coraggio di firmarti con nome e cognome e indirizzo quando posti! Se sei probo non devi temere di rendere pubblica in tutti i suoi aspetti anche i più intimi.

  60. #93

    C’è gente che ha voglia di scherzare.

    Uno può essere d’accordo o meno sulla trasparenza di certi dati. Si può finanche pensare che la trovata dei redditi on line, fatta così, sia stata una gran cacata. E io lo penso.
    Però, ti assicuro, non è il caso di essere così inutilmente polemici. Eddai. A che titolo ti scagli contro qualcuno dandogli del filototalitarista? (Prendendo tra l’altro un grosso abbaglio, cosa che sapresti se solo avessi seguito un po’ il flusso di coscienza di questo blog.)
    Sai cosa ti dico… le tue accuse infondate di appartenenza politica, la voglia di segretezza… a me, per esempio, ricorderebbero molto l’Argentina fine anni ’70. Ma son solo punti di vista, n’est-ce pas?
    Se poi ti girano perché oggi lavori mentre gli altri fanno il ponte, be’, allora è un altro discorso.
    Per uniformarmi a questa smania di privacy – oggi – non mi firmo neanche io.

  61. Parlando di nostalgia di pugni alzati mi aveva tratto in inganno…
    In ogni caso, sì sono incazzato nero perchè qua nessuno lavora a parte me…

  62. Marcegaglia 230mila e rotti,
    Muccino (quello serio…) meno di 30mila e chissà quante altre sorprese (nel bene e nel male).
    grillo si è coperto di ridicolo da solo invocando il rischio che la malavita adesso possa sapere dove andare a trovarlo! (che guadagnasse a palate lo sapeva anche mia nipote di 12 anni … onore a lui che contribuisce così significativamente all’erario = a tutti noi). se poi si aggiunge che si tratta di dati cmq già pubblici e liberamente accessibili a chiunque, non si riesce davvero a capire perché roda così tanto a certuni il fatto che si sappia quanto reddito hanno dichiarato (chi ha dichiarato tanto dovrebbe esserne fiero, chi ha dichiarato poco non ha nulla di cui vergognarsi, chi non ha dichiarato tutto … fate vobis). il vero scandalo è cosa ne fa lo stato di tutti quei soldi … finendo per giustificare (davvero) chi evade!
    buona tassazione a tutti

  63. No caro 103! Sono certamente pubblici ma in maniera diversa: un conto è accedervi da internet coperti da assoluto anonimato e comodamente da casa, un conto è recarsi all’Agenzia, fare un sacco di codo, rompersi il cazzo e soprattutto metterci la faccia.
    Ribadisco il problema non è onesti disonesti, il problema vero è che io i miei dati non li voglio sbandierare perchè sono cazzi solo miei. Punto.

  64. E non mi meraviglia che tale provvedimento sia sorto dalle avide mani di denaro della banda bassotti Visco-Amato.
    Tra l’altro nessuno, ripeto nessuno ha commentato il decreto (anch’esso ultimo colpo di coda dell’abominevole governo prodi) del 21 aprile con cui padoa schioppa ha fatto cadere una bella pioggia di milioni di euro sui dipendenti del suo ministero e sulle agenzie (al solo scopo di gratificare amici ed amichetti… avrà usato il tesoretto? sempre che sia esistito.)

  65. Ma dai illegali non scherziamo! tutti voi ambite a far vedere quanto guadagnate perchè nel mondo degli illegali la bravura si misura in euro (mi ricordo benissimo la pagina dedicata l’anno scorso da top legal ai redditi dei primi 100 avvocati di milano)

    200e.l.

  66. 1) su MF di oggi (2 maggio) è pubblicato l’elenco degli avvocati che guadagnano di più, prendendo le info dagli ormai famosi elenchi;

    2)vi posso assicurare che le foto di legance sono abilmente ritoccate, e più si sale nella gerarchia meglio sono ritoccate.

    PS non sono di legance

  67. Intervengo di rado sul questo blog, ma, da avvocato, non illegale, dico che non vedo alcuna violazione della privacy nella pubblicazione delle dichiarazioni dei redditi. Non mi venite a parlare di grande fratello, pe rfavore, qui non si stanno certo rendendo pubbliche informazioni sulle opinioni politiche, sui gusti sessuali o su aspetti della vita intima. In fondo il reddito dichiarato costituisce la base dell’imposizione fiscale, quindi c’è, evidentemente, un interesse pubblico a conoscere tali dati. E non mi venite a dire che si può andare in agenzia delle entrate per verificare, chissaà quante scartoffie si dovranno riempire. Poi mi sembra addirittura risibile affermare che così facendo si aiuta la criminalità nella scelta degli obbiettivi. Come se non si potesse capire se uno è ricco dallo stile di vita condotto, piuttosto che dalla pubblicazione della sua dichiarazione dei redditi.

    Gianluca

  68. Non ci vedo nulla di male nell’iniziativa Visco, del resto viviamo in una società che ci può controllare in ogni modo(almeno noi comuni mortali).. Mi chiedo:non è che qualcuno temesse d’essere scoperto come evasore?
    Sono un poveraccio ,d’accordo (e secondo Fede,sarei uno che non suda abbastanza, per questo non mi merito redditi maggiori), ma non ho nulla da nascondere.

    La questione è un’altra: chi controlla il controllore?

  69. ma cos’è questa invasione degli ultracorpi?
    chi è tutta sta gente frizzantina, poco stressata e con immaginette colorate al proprio fianco?
    illegali veri dove siete?
    tornate…

  70. Tema:
    I fratelli Muccino

    Svolgimento:
    A me piace quello grande.
    Uhm… quello piccolo anche.

    Note:
    Buon fine settimana pasticcini fragole e cioccolato fondente dudù dadadà.

  71. Plon plon: comunicazione di servizio.

    si avvisa la gentile clientela che:

    in data 1 giugno i Soulwax suoneranno dal vivo al Terrazza Mare, a Jesolo (Venezia);

    in data 20 luglio suoneranno live i Duran Duran, sempre al Terrazza Mare.

    Mia mi accompagni?

    smith

  72. ma com’è che qui siamo tutti anonimi?
    la conversazione e’ ironica, spero.
    il post rischia di essere preso sul serio – e sarebbe grave, insomma, grave magari e’ una parola grossa, diciamo sarebbe … drammatico – e dei commenti non ho capito una mazza…
    ma sono qui.
    perché?
    bah.
    in ‘sto casino passero’ inosservata … almeno …

  73. 121 poi 123 a 122
    Curiosa
    ma Tonta
    Illuminata nella mattinata
    Illegali
    niente patacchetta di riconoscimento!
    Già
    svegla eh?
    Solo 147 ore di incubazione
    Rido!
    Grazie lo stesso Chet B. 122
    (sembra una roba tra taxi …)

  74. cosa rappresantano questi commenti sopra?
    CHI SIETE? COSA VOLETE?
    cioè, benvenuti, ma non vi allargate.
    la chiave di lettura di questo blog (o blob?) sta in un quadro di Magritte.
    noi non siamo nerds, siamo la scheggia impazzita della rete: egocentrici, insubordinati e soprattutto anonimi.
    così va la vita.
    ma sì, chi se ne importa, per fortuna domani è lunedì…

  75. niente
    ANONIMA
    TUTTO, POSSIBILMENTE … ma non da te, non agitarti
    grazie per il caloroso benvenuto
    cioè? troppe righe?
    magritte? oiginale
    siete anonimi che chiedono chi siete a degli anonimi …
    eh gia’, così va la vita
    io in effetti me ne frego allegramente
    per fortuna, concordo …
    anche se preferirei fosse martedì
    sai un martedì dopo la domenica
    qualcosa di nuovo nella vita…

  76. uh 126, che permalosa.
    il mio voleva essere un commento didascalico, se hai percepito agitazione e ne hai sofferto ti chiedo scusa, forse sono stato scortese e ho urtato la tua sensibilità. sì certo, scusami tanto…
    è solo che chi qui dentro ci ‘vive’ sa di essere parte di una comunità sui generis e probabilmente ci si rispecchia. nel momento in cui qualcuno, chiunque sia, si accoda con garbo… (più o meno) tutti sono anonimamente lieti di sfoggiare un caldo benvenuto. ma quando qualcuno invece si fa avanti con affermazioni petulanti tipo “perché qui e perché là?”, anonimi sì e anonimi no… beh, la domanda sorge spontanea: ma a te che te ne importa?

    Anonimo Impenitente

  77. @ Chet:
    “To act like a beast rids oneself of the pain of being human”.
    E’ proprio così.
    Lo penso, lo vivo e ne sopporto le conseguenze.

    @93
    Io invece, proprio perchè le tasse le pago fino all’ultimo eurocent, sono fiero di vedere pubblicato il mio reddito e la conseguente tassazione. E questa cosa l’ho discussa con soci ben più prestigiosi che guadagnano 1 mln e più e anche loro la pensano così. Questo se sei onesto.
    Non è questione di delazione caro 93. E non confondere regimi totalitaristici con paesucoli in cui esistono le leggi ma le stesse non vengono mai applicate, incoraggiando così una diffusissima praeterlegalità. Non ci sarebbe litigiosità se il mio vicino, evadendo, non ponesse a mio carico un maggiore onere fiscale e non legittimasse aliquote più alte, cara la mia testa di cazzo.
    Di nuovo, citi 1984, che non c’entra una bata fava. Ma almeno l’hai letto quel libro (mi basta anche che tu abbia visto il film; non mi basta invece che tu abbia solo ascoltato la colonna sonora).
    Da ultimo, i tuoi redditi non sono cazzi tuoi e solo tuoi. Sono cazzi della comunità e se li nascondi, commetti un reato che comporta un danno sociale ben più grave di uno scippo o di una rapina. Certo, l’attuale presidente del consiglio vuole che tu la pensi così…..questo ragionamento è più simile al 1984 da te tanto (quanto inutilmente) citato. Eppoi firmati sennò mi viene facile insultarti perchè mi sembri un bot.

    @97 (un altra testa di cazzo bot)
    Io figuro sull’elenco, pirla. E dato che figuro anche sulle pagine bianche, non è affatto difficile beccarmi. Ma non me ne frega un cazzo perchè rimane ferma dentro di me la convinzione di essere una persona che non ha nulla da nascondere. E tu non vuoi né puoi dire lo stesso evidentemente. In quanto alla criminalità, beh ho più paura ad andare all’hollywood di sabato sera che essere preso di mira da cittadini comunitari (rumeni ad esempio).
    Mentre non ho capito che cazzo c’entra dovermi dichiarare qui dentro…….
    Avv. Samoano

  78. L’Avv. Samoano è veramente un figo che non le manda a dire a nessuno.
    E a noi ci piace perché è così, un po’ saggio e un po’ ruvido.

  79. a 127 da Petulante 121-
    anonimo impenitente: sei il buttafuori della lista?
    solo curiosità, sia prima sia dopo
    eh sì, hai urtato la mia sensibilità, tanto che ne sono caduta ammalata …
    ma accetto le tue cortesi scuse
    perché NON sono permalosa

    Anonima Penitente

  80. @ Smith (#120)

    [Ho provato a inserirmi vagamente nel post “Il punto di vista”, ma sono rimasta un po’ inibita da un senso di horror vacui, come entrare nel bar dove prendi il caffè ogni giorno e tutti ti salutano, mentre oggi a fatica riconosci qualcuno. Se da una parte mi fa piacere leggere di nuovo Duchesne, dall’altra sto perdendo il filo dei commenti…]
    In ogni caso prima ero tanto intenta a comprimermi nel ruolo di una qualunque Miss Misery che ho postato tralasciando la lettura dei messaggi altrui, ma andando a ritroso ho scoperto con piacere il tuo…
    Io per i Soulwax (e a seguire 2 Many DJ’s dj-set!) potrei anche volare.
    Posso ricambiare l’invito? 25 maggio – Motorpsycho – Alcatraz – Milano / 13 luglio – Sigur Rós – Arena Civica – Milano / 26 luglio – R.E.M. – Arena Civica – Milano.
    Lo so, ci sarebbero pure i Radiohead, con loro però ho un conto in sospeso. Li ho visti anni fa e quella sera non fecero “Creep”, io a fatica mi sono ripresa dalla sensazione di sesso-senza-orgasmo che si è incuneata dopo quel concerto nel profondo della mia (seppur discutibile) sensibilità musicale…

    Kizz

    Mia

    P.S. Per tutti gli avanzi di anni ’80 che, come allora o più di allora, hanno voglia di limonare: i Duran Duran verranno anche nella Grande Pera il 19 luglio. All’Idroscalo, mi pare.

  81. Azz!

    Soulwax il 1 giugno??? Ancora ricordo NY Excuse (This is the excuse that we’re making
    Is it good enough for what you’re paying)… un pezzo magnifico! Se non fosse che mi potrei sentire la terza incomoda (cd. moccolo), mi aggiungerei al simpatico gruppo.

    Comunque, caro smith stai dimostrando una conoscenza musicale di livello superiore. Grazie per la cortese indicazione.

    Ciao a tutti,

  82. Bimba Veneta,
    ma quale moccolo e moccolo, io mi riterrei abbellita dalla tua presenza.
    (Sfacciata captatio benevolentiae)

    E se Smith latita, oggi vorrei cantare io qualcosa che mi rappresenta…

    With your feet in the air
    And your head on the ground
    Try this trick and spin it, yeah
    Your head will collapse
    But there’s nothing in it
    And you’ll ask yourself

    Where is my mind
    Where is my mind
    Where is my mind

    Mia

  83. eccomi.

    @ Bimba

    nessun moccolo da reggere. perchè ti presenterei qualcuno che di musica se ne intende veramente.
    eppoi vorrei portare Mia in montagna, subito dopo il mare.
    su in Faloria, a godere del Cadore da 2300metri, e poi con una corsa in macchina a Dobbiaco, a mangiare le frittelle della Genziana.

    @ Mia

    è difficile trovare le parole.
    tu mi citi Radiohead (mi ricordo di un concerto di anni fa, erano gli Oasis, il cui ultimo pezzo fu Wonderwall non live, misero su il disco: incredibile);
    tu mi parli dei Sigur Ros (per loro andrei in apnea per 30 minuti dopo essermi fumato un pacchetto di Nazionali senza filtro);
    e mi piazzi così Il Pezzo dei Pixies.
    per me sei come una “madeleine” per Proust.

    questa è solo per te, e stai attenta perchè stai raschiando le ultime mie resistenze. ancora uno scherzo simile e pubblico il mio nome, il mio cognome e il mio numero di telefono: con il rischio che mi chiami Marsellus.

    I want to live where soul meets body
    And let the sun wrap its arms around me
    And bathe my skin in water cool and cleansing
    And feel, feel what its like to be new

    Cause in my head there’s a greyhound station
    Where I send my thoughts to far off destinations
    So they may have a chance of finding a place
    where they’re far more suited than here

    I cannot guess what we’ll discover
    Between the dirt with our palms cut like shovels
    But I know our filthy hand can wash one another’s
    And not one speck will remain

    I do believe it’s true
    That there are roads left in both of our shoes
    If the silence takes you
    Then I hope it takes me too
    So brown eyes I hold you near
    Cause you’re the only song I want to hear
    A melody softly soaring through my atmosphere

    Where soul meets body
    Where soul meets body
    Where soul meets body

    I do believe it’s true
    That there are holes left in both of our shoes
    If the silence takes you
    Then I hope it takes me too
    So brown eyes I hold you near
    Cause you’re the only song I want to hear
    A melody softly soaring through my atmosphere…

    Death cab for cutie, Soul meets body

    smith

  84. Mia,

    io adoro questa canzone!!!!!!!!!!!!!

    E ripeto adoro questa canzone a tal punto che costringo una mia amica a suonarla con la chitrarra affinchè io possa cantarla a mia volta (e non per raccogliere monetine come qualcuno starà già pensando)!

    Grazie e per ricambiare:

    yesterday i got so old
    i felt like i could die
    yesterday i got so old
    it made me want to cry
    go on go on
    just walk away
    go on go on
    your choice is made
    go on go on
    and disappear
    go on go on
    away from here

  85. Smith

    Se le cose si mettono così, posso solo dedicarti la mia preferita…

    “Show me how you do that trick
    The one that makes me scream” she said
    “The one that makes me laugh” she said
    And threw her arms around my neck
    “Show me how you do it and I promise you
    I promise that I’ll run away with you
    I’ll run away with you”

    Spinning on that dizzy edge
    I kissed her face and kissed her head
    And dreamed of all the different ways I had
    To make her glow
    “Why are you so far away?” she said
    “Why won’t you ever know that I’m in love with you?
    That I’m in love with you?”

    You
    Soft and only
    You
    Lost and lonely
    You
    Strange as angels
    Dancing in the deepest oceans
    Twisting in the water
    You’re just like a dream…

    Daylight licked me into shape
    I must have been asleep for days
    And moving lips to breathe her name
    I opened up my eyes
    And found myself alone
    Alone
    Alone above a raging sea
    That stole the only girl I loved
    And drowned her deep inside of me

    You
    Soft and only
    You
    Lost and lonely
    You
    Just like heaven

    Mia

  86. Mia

    questa è una accoltellata, e mi hai preso alle spalle, di soppiatto. in silenzio.

    ma non morirò senza difendermi.

    When the routine bites hard
    And ambitions are low
    And the resentment rides high
    But emotions wont grow
    And were changing our ways,
    Taking different roads
    Then love, love will tear us apart again

    Why is the bedroom so cold
    Turned away on your side?
    Is my timing that flawed,
    Our respect run so dry?
    Yet theres still this appeal
    That weve kept through our lives
    Love, love will tear us apart again

    Do you cry out in your sleep
    All my failings expose?
    Get a taste in my mouth
    As desperation takes hold
    Is it something so good
    Just cant function no more?
    When love, love will tear us apart again

    Joy Division, Love will tear us apart

    smith

  87. Smith,
    nuotavo nell’infinito, provando sensazioni come i bambini del video di Glósóli, e stavo bene.
    Ora, se la mia poteva essere una coltellata… il tuo è un calcio volante che mira al cuore.
    [Is it something so good
    Just can’t function no more?]
    E visto che mi hai fatto questo, voglio perdere punti ai tuoi occhi. Infatti ti dico che, tra l’originale e la cover fatta negli anni da almeno mezzo milione di gruppi, la versione che a me piace in modo particolare è quella suonata (in stile vagamente “Born in the USA”) dai New Order.

    (!)

    Lascio spazio per eventuale coro di insulti.

    Non è vero, scherzavo sulla preferenza, però in questo momento potrei davvero non essere emotivamente equipaggiata per reggere l’ascolto.
    Comunque devi sapere che io ho amato alla follia “Donnie Darko”. Penso spesso a quel film e sono tanti i motivi per cui lo faccio, inutile spiegare… mi è piaciuto ricevere un pezzo dalla colonna sonora.

    Thanks

    Mia

    P.S. Ma Wonderwall by Cat Power? Eh…

  88. Mia

    i New Order dopotutto possono anche farla la cover, si auto-coverizzano. non originale, ma se vengono per un pò a mancare le idee…

    anche a me piace ad oltranza Donnie Darko, tanto che ho scaricato il libro “la filosofia dei viaggi nel tempo” (è qualche pagina di scritti e disegni).
    quel film è un covo senza fine di citazioni e allegorie.

    geniale e meraviglioso.

    smith

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...