NELLA CASELLA DELLO SPAM: “A NEW YEAR, A NEW DICK”

Giorni di neve a Milano, e in tutto lo studio si respira aria di ritorni in leggerezza, di allegria, giovani donne con gli stivali di gomma col tacco, giovani uomini un po’ casual un po’ no, partner disinvolti che s’affacciano nelle stanze. Alla macchinetta del caffè ci si ritrova, ci si confronta, ci si diverte, un nuovo anno davanti, poca crisi, tanta simpatia.

– “Che hai fatto il trentuno?”
– “Niente di che, una cenetta, trenta persone, una piccola cosa, in baita, caminetto, alberello, panettone. Qualche figa, niente di eccessivo.”
– “Io sono stato al concerto di Max Gazzè, in piazza. Bello, ben suonato, le luci.”
– “Eh, non male neanche quello. Una cosa semplice direi, festiva. Anche se, a me, la musica francese di oggi non è che mi prende molto.”
– “Musica francese?”
– “Poca passione. Troppa elettronica.”
– “Max Gazzè non è francese.”
– “Ma lascia stare di dov’è, dove non è. Neanche Hitler era tedesco, ma guarda poi cosa ha fatto.”
– “Ma… ma cosa stai dicendo?”
– “Cinque milioni di morti. Io ci starei attento prima di dire cose avventate.”
– “Semmai sei milioni.”
– “A maggior ragione. Oh, c’è Giovannino.”
– “Ehi carissimi. Allora? Che mi dite? Abbiamo trivellato?”

Intanto Giuseppe, il mio capo, gira per lo studio con suo figlio, un bambino sui nove anni, capelli a scodella, un’asma elegante e la faccia di chi ha già capito di appartenere al ceto sociale giusto.

– “Ciao Giacomo”, gli ho detto, tentando un sorriso, quando è passato nella mia stanza.
– “Ciao”, ha risposto lui, ritraendosi dietro la gamba del papà.
– “Dai Giacomino” ha detto Giuseppe “su, saluta per bene il nostro Duchesne. Digli ciao Duschesne.”
– “Ciao Duchesne”, ha ripetuto Giacomino, sempre ritraendosi, con gli occhi bassi.
– “Bravo Giacomino” ha ripreso Giuseppe. “Ora digli lavora Duchesne.”
– “Eddai Giuseppe”, ho detto io, già un po’ in imbarazzo, “lascialo, poverino. È timido”.
– “No, no, altro che timido. Giacomino, fagli vedere. Lavora Duchesne.”

Giacomino mi ha guardato. Ha esitato un attimo, poi, come se fosse stato toccato da qualcosa, ha capito.

– “Lavora Duchesne.”
– “Ah ah ah”, ha detto Giuseppe prendendolo in braccio, facendogli il solletico e portandolo fuori dalla stanza. “Lo sapevo, il mio junior partner. Lavora Duchesne, l’hai detto bene. Lavora Duchesne. Che bella la vita.”

Ho cominciato a fissare una matita, così, per sentirmi superiore a qualcosa.

Annunci

300 Pensieri su &Idquo;NELLA CASELLA DELLO SPAM: “A NEW YEAR, A NEW DICK”

  1. Sono uno studente universitario e ho l’esame di diritto costituzionale il 15. Questa è una delle poche materie che odio, tra le mie preferite ci sono quelle dell’ambito commerciale. Potete darmi un consiglio su come farsi venire voglia di studiare questa materia odiosia e poco pratica?? Duch, tu che sei già arrivato!! beato te!

  2. da Clifford le praticanti dopo il lavoro sono obbligate a fare da baby-sitter ai figli dei partner. E poi, chiaramente, a farsi i partner.

  3. Piccoli momenti. Chissà se quell’odioso bambino legge durante la merenda il Sole 24 ore per vedere come vanno le azioni di papà.
    Regalagli un giocattolo duchesne. Salvalo.

  4. Picchu, se ci pensi un momento forse è già tardi per “salvarlo”, ammesso che il pargolo la consideri una salvezza: in fondo tra il Duc e Giuseppe chi è che se la passa meglio?
    Baci a tutti
    Carlà

  5. altro che timido il bambino…non aspettava altro!

    comunque duchesne era un po’ che volevo scriverti per farti i miei complimenti per il blog, volevo mettermi in pari con i post, sono una nuova adepta!:D

    buon pomeriggio
    marjas

  6. Viste le condizioni meteo vi auguriamo un buon anno con questa quotazione:

    – D’estate a Roma i cinema sono tutti chiusi, oppure ci sono film come “Sesso amore e pastorizia”, “Desideri bestiali”, “Biancaneve e i sette negri”, oppure qualche film dell’orrore come “Henry”, oppure qualche film italiano. –

    – amiche (di obama) on line –

  7. Il titolo del post contiene, come altri, qualche dotta citazione e/o riferimento o è semplicemente l’oggetto di una mail?

  8. Giuseppe: il frustrato che esercita brandelli di potere per urlare al mondo che esiste.

    Il pargoletto: la vittima inconsapevole delle ansie paterne che, povero lui, un giorno contribuiranno a plasmare il suo carattere.

    Duchesne: l’anello debole della catena, il più misero di tutti che, però, risplende alla luce della consapevolezza della meschinità altrui.

  9. @2: pensa che studiare costituzionale è meglio di QUALUNQUE cosa che ti possa capitare di fare in uno studio illegale tra qui e il 15 (tranne incendiarlo, si capisce).

  10. Duca mio…
    sempre superiore.
    Sempre.
    Mi trovo di nuovo d’accordo con Picchu: regalo un gioco a Giacomo.
    Di quelli fessi però di quelli che ci si può divertire solo con l’immaginazione.
    La prossima volta che lo vedi, quando Giuseppe si gira, fagli una boccaccia.
    Può essere che rida, può essere che si salvi.

  11. henry pioggia di sangue…
    che gran film, caro diario, e pensare che io quelle strade le faccio tutti i giorni in moto, anche oggi, sotto la pioggerellina romana, altro che la neve milanese…
    certo, le curve del Gianicolo, o quelle di via IV Novembre (come possono insegnare da Chiomenti) non sono il massimo, però, vuoi mettere il Quirinale, la Bocca della Verità, Trastevere etc (beh, in mezzo ci sono pure i blindati sotto le finestre del Nostro Amato Timoniere, ma non si può avere tutto dalla vita…)

  12. Ho un anno di più e stavolta non mi sento tanto bene nemmeno io.
    Anche se la neve sembra renderlo più piacevole e ovattato, siamo davvero nell’inverno del nostro scontento…
    Tieni duro Duca.

    V.

  13. Duchesne tieni duro. La scena che hai descritto è degna di Fantozzi. Mi conferma l’opinione truce che ho dei grandi studi legali di parenti e amici. Ma perchè per combinare qualcosa un giovane promettenete avvocato deve frequentare degli stronzi? E’ che sei arrivato quando diventi stronzo anche tu???

  14. Io sono fiducioso.
    Il pupo frequenterà le migliori scuole elementari, le migliori medie, il miglior liceo (privato) come suggerito manu militari dal suo papi.
    Molto probabilmente sarà costretto ad iscriversi a giurisprudenza.
    Verso il secondo anno di corso, tuttavia, e precisamente nel bel mezzo del corso monografico “Attualità della mancipatio”, deciderà di mandare tutti a cagare, abbandonerà l’università, e deciderà di dedicarsi alla sua vera passione: il birdwatching.

  15. ..una volta esaurita la passione per il birdwatching si trasferirà a Londra ufficialmente per frequentare un corso di teatro post moderno. Nel corso del soggiorno britannico si innamorerà di un ballerino iracheno e tutt’a un tratto si renderà conto che non gli basta osservarli, gli uccelli..

    Buon anno a tutti

  16. duch, grandissimo post (insieme a quello della vigilia)
    sei tornato ai livelli superiori di un tempo

    tra i commenti leggo che bisogna salvare il bambino
    perché salvarlo?
    se la passa benissimo

  17. Avete presente, nel film “I mostri”, l’episodio con Tognazzi che insegna al figlio a “stare al mondo”? Il bambino finirà per fare fuori il padre…

  18. comunque, secondo me, se Giacomino fosse stato un vero partner illegale in erba, “lavora Duchesne” l’avrebbe detto senza bisogno dell’istigazione paterna

  19. beh certo che se la passa benissimo, purché non si riduca come certi figli di certi padri modelli (non faccio né nome, né cognome, dico solo Matteo Bonelli), che abbandonata l’avventura hollywodiana si riciclano immediatamente come partner nello studio del papi
    (mmm beh a pensarci bene ci son destini peggiori…)

  20. e invece io sono triste perché in fondo in fondo giacomino lo invidio
    lo so che dovrei essere contento di non essere mai stato giacomino, ma sotto sotto avrei voluto esserlo, vorrei esserne ora la versione cresciuta
    perché quelli come giacomino, se poco poco non sono decerebrati (ma a volte anche in quel caso – salve parentesi poco edificanti – vedi lapo), hanno sempre avuto e avranno sempre tutto, senza fare troppi sforzi
    e se hanno un minimo di cervello (vedi john, per restare in tema), hanno tutto al quadrato, e la gente li elogia pure come fossero dei semi-dei

  21. Caro doux,
    sono una tua groupie che farà la fila davanti feltrinelli la notte del 3 febbraio in trepida attesa del capolavoro, per leggerlo avidamente, e conservarlo insieme agli altri che hanno ispirato la mia vita, come “La regina della casa” di S. Kinsella, Moby Dick e Anna Karenina.
    Comprerò anche le stickers, le spille, le magliette, l’album panini con le tue avventure se necessario (ma ti immagini la figurina di Giovannino, di Miri, di Giuseppe). Quest’ultimo post poi, sul tenero bimbo …. Lo trovo eccelso anche perché riecheggia in me qualcosa di sinistramente noto …. Ma ormai felicemente superato. Anche grazie a te doux …. caro. Leggere il tuo blog mi ha dato la spinta finale. Infatti ho abbandonato il dorato mondo degli illegali per meno splendenti lidi in-house. E così ho fatto un falò dei miei completi neri, regalato i mocassini alla donna ad ore, (le borse no, perché non ho avuto cuore), e mi sono presentata all’imbarco di Linate in scarpe da ginnastica, collant fuxia e zainetto invece che con valigetta d’ordinanza. Certo sto ancora sforzandomi di dismettere questo spocchioso inglese illegale, e ogni tanto mi scappa ancora un wording,un drafting che so, .. e vedo di fronte a me aggrottarsi le sopracciglia con diffidenza. Ma che bello doux, credimi!!! Basta giacomini nella mia vita, basta padri di giacomini!!! Viva la libertà!! Sto gradualmente riadattandomi ad una vita pre-illegale.
    v.

  22. minchia ma c’hai idea di quanti giocattoli tossico-cinesi-piombati ci sono in giro?vogliamo proprio lasciare il piccolo giacomino senza niente con cui intossicarsi?dai che in fin dei conti è natale/capodanno/befana anche per lui…

  23. Cara Groupie (V.)

    la tua splendida ammissione di essere una groupie mi ha fatto sobbalzare di delizia. Ammettere di essere una groupie, sentirsi una groupie, e’ cosa impegnativa, femminile, e denota intelligenza (per lo meno nel mio mondo). Per cui ho iniziato a leggerti irradiato dalla speranza che tu potessi essere una nuova candidata ad entrare nel mio magico mondo di Onan. Poi pero’ e’ successo qualcosa di spiacevole.

    L’ingenuita’ che trasuda dal resto del tuo commento e’ infatti talmente intossicante che sto lottando con tutte le mie forze di recuperare alcuni sfumati aspetti che adeguatamente “pompati” potrebbero sembrare positivi: chesso’ , il fatto che tu abbia Moby Dick fra le tue letture preferite, o il fatto che tu non abbia avuto il coraggio di buttare le tue borse. Non ce l’ho con te, credimi. Ma sono stanchissimo, e appesantito dalla vacanze natalizie. Alla fine non ce l’ho fatta a continuare a combattere per salvarti, e dopo un po’ ho gettato la spugna. E sono rimasto li’, a leggere del collant fucsia e del fatto che ora quando dici “wording” qualcuno aggrotta le ciglia. E la mia povera erezione e’ finita ancora prima di cominciare.

    Il Lettore Segaiolo

  24. @2: ma come si fa a prediligere una qualsiasi branca del diritto senza aver sostenuto costituzionale? Esistono davvero Facoltà o corsi nei quali non è propedeutico a tutte le altre materie?

  25. Effettivamente il commento @29 è condivisibile.

    “I cavalli di razza si vedono al nastro di partenza”…

    La figlia dodicenne del Prof. nel cui studio ho rischiato la salute per svariati anni, quando arrivava in studio si muoveva già con il piglio del “padrone”. E questo, mi dicevano i più vecchi, avveniva già da parecchi anni! Alle segretarie toccava farle i compiti!

    Giacomino potrebbe anche salvarsi, chissà!

    Ciao Alex, è da tanto che mancava il tuo acume sferzante! Sempre in gamba, complimenti! E buon anno…

    Alla prossima.

  26. eh eh, mi ricordo la figlia stronza dell’avvocato molto illegale titolare dello studio legale nel quale ho lavorato svariati anni, che a dieci anni faceva già la stronza…
    quando poi me la sono ritrovata studentessa all’università, dove, dopo essermi messo in proprio, immodestamente insegnavo diritto privato…

  27. Questo Giacomino è un povero RITARDATO. A nove anni si va in prima media. Questo qui si nasconde dietro la gamba del padre che gli dice “Dì ciao” e lo prende in braccio facendogli il solletico? Ma queste cose si fanno ai bambini fino a 4-5, massimo 6 anni.
    Povero piccolo, mi fa pena.

  28. dove lavoro io i bambini dei super-boss sono putti biondi con le gote rosse, e non fiatano. forse dovresti cambiare lavoro e venire da noi in redazione..

  29. Cara Bstevens, ma anche da noi i pargoli sono tutti putti biondi!!
    Infatti, mi chiedo sempre come mai i figli dei partner sono sempre TUTTI biondi con gli occhioni azzurri, mentre i loro papà detengono i colori del carbone nei capelli, occhi ed incarnato?
    Carlà

  30. Caro LS
    Quota parte di cinismo, l’ironia e soprattutto autocompiacimento l’ho lasciata nel mio studio illegale … quando ne sento un po’ di malinconia leggo questo blog e un istinto primordiale mi spinge ad uscire alle 5 del pomeriggio dall’ufficio e ad andare ad acquistare collant fucsia.
    Anche io non ce l’ho con te, anzi il numero di persone che mi sta sulle scatole da quando non faccio più parte degli illegali è molto diminuito. Però capisco il tuo fastidio nei confronti dell’ingenuità, come dimostra il post del caro duox su giacomino, quando sei un illegale non te la puoi permettere neanche con i bambini.
    Così va meglio ? Naive gruopie

  31. #56: è che M di MS ed io siamo madri e allora immaginati da te quanto siamo brave a delegare e a gestire i bambini. Sia quelli di nove anni, sia quelli con le overdosi di testosterone.

    Davvero, non hai idea della differenza tra i commenti qui e quelli dei blog che frequentiamo abitualmente noi. Un po’, come andare allo zoo, ma senza i figli che tentano di andare a dare un bacetto al cocodrillo, non so se rendo.

  32. Mi rivolgo a Duch e a voi altri: ma perchè non cambiate lavoro o comunque cercate altro se quello che fate vi fa cosi cagare??
    non è che amate troppo la grana con cui il vostro capetto vi riempe le taschette a fine mese???

  33. Ho conosciuto il tuo blog di recente, per caso. Pensavo che un certo tipo di umanità popolasse solo le sale operative delle banche ma la vedo ben rappresentata anche nel tuo settore. Non mi sorprende del tutto, perchè quando le persone sono sottoposte a una pressione parossistica danno sfogo ai peggiori istinti. Allo stesso tempo, pensavo però che gli avvocati riuscissero a mantenere di più nei loro comportamenti il rispetto della forma, intrinseco alla professione. All’inizio mi sono anche divertita, perchè scrivi bene e alcuni episodi sono comici. Ma è durato poco: l’angoscia e la tristezza hanno avuto la meglio in fretta.
    In ogni caso, Buon Anno e un sacco di in bocca al lupo per il libro.

  34. Mammamsterdam grazie della difesa d’ufficio.
    in realtà non capisco le critiche. Ho semplicemente voluto dire che, oltre ad essere un blog interessante, mi diverto a leggere cosa si dice la gente qui sopra. Non è forse un complimento?

    M di MS

  35. Mamma mia che brutta gente frequenti….
    Io me la darei a gambe dopo 5 minuti ; a parte un’incontenibile avidità ( traduzione : si, per i soldi mi venderei l’anima, la madre, la sorella e se sei gaio e munito di sufficiente pecunia magari ti dò anche mio figlio che non è niente male ) non vedo il motivo per cui dovresti passare la maggior parte delle tue giornate a farti umiliare e trattare da merdina.
    O sei masochista o la cosa davvero mi sfugge.
    Triste.

    ps. sono capitata qui per caso e leggendo te ed i tuoi commentatori mi sono venuti in mente gli anni dell’università ed i colleghi di facoltà. La seconda non è esattamente un complimento : )))))

  36. Cara M di Ms, non mi è molto chiara la ragione per la quale hai preso la mia “battuta” per una critica dalla quale dovevi essere difesa.
    Mi rendo conto che oggi come oggi sono tutti aggressivi e litigiosi (e lo sono ancora di più quando sono coperti dal velo dell’anonimato virtuale), mi rendo anche conto che l’ironia della battuta non era di quelle che fan pisciare addosso dal ridere… ma davvero mi fa specie questa seriosa miopia.
    Con un certo imbarazzo ti spiego cosa significava l’ironica risposta (che peraltro la collega mamma ha colto, anche se tu hai preso il suo intervento per una difesa d’ufficio di cui non vedo l’utilità). Si leggeva grossomodo così: “cavolo, siccome qua scriviamo un sacco di stronzate e siamo della gran brutta gente, è davvero grave che tu dica di divertirti in particolare con i commenti”. Il tutto da leggersi con ironia (questa sconosciuta).

    Cordialità,
    #58

  37. @Dreamingkat: premettendo che rispondo al tuo intervento non sentendomene affatto lesa pur essendo una delle più assidue frequentatrici e commentatrici di Duchesne, devo dirmi in grave disaccordo con quanto da te sostenuto.
    Come sempre (nel senso di “come spesso accade quando sono pronunciate qst sentenze”) vedo nella tua affermazione un valore di giudizio.
    E piuttosto affrettato.
    L’ironia, il sarcasmo anche minimalista, se vogliamo, di Duch lascia ben vedere come lui non si lasci affatto trattare una merdina; pensare poi che una persona che scrive le cose che lui scrive (e se lo hai letto tanto da esserti stufata di lui, dei suoi post e dei suoi commentatori, evidentemente lo devi aver osservato abbastanza) sia essere avvelenato dalla cupidigia, bhe mi pare quanto meno azzardato (in realtà avrei detto pensiero affetto da una drammatica leggerezza).
    cara mia non sono gli studi illegali (né quelli legali, se per questo) a trattarci una merda: è la vita.
    Talvolta per motivi che esulano la comprensione di sconosciuti di passaggio (e ictu oculi quel tantino livorosi) si è incudine e tale bisogna restare.
    Ma Duch non è nella Verità incudine di nessuno.
    Credimi.

  38. Caro utente anonimo #58, il mio commento non aveva alcun intento polemico. Sì, evidentemente non ho capito l’ironia. C’è qualcosa di male? Qualcosa di male che giustifichi le tue ben 11 righe di risposta? Magari sei anche tu un avvocato, cioè qualcuno che utilizza troppe parole per camuffare i contenuti. Se non lo sei lo sembri. Decismente troppe parole. Lo dico senza ironia.

    M di MS

  39. Anno nuovo gioco nuovo

    Da quest’anno il blog di Studioillegale si arricchisce di un nuovo gioco.

    “Che se l’italiano era una lingua”

    Ecco le istruzioni:

    1) prendi un messaggio di “superegovsme”;

    2) copialo su un foglio word;

    3) studia attentamente le parole e

    4) trova le parole “intruse” (ossia, i termini inesistenti o che rendono la frase incomprensibile o irrecuperabile sotto il profilo sintattico);

    4) riordinale affinché acquisiscano senso compiuto.

    Ex.

    “Talvolta per motivi che esulano la comprensione di sconosciuti di passaggio (e ictu oculi quel tantino livorosi) si è incudine e tale bisogna restare”

    Tentativo di soluzione:
    “Bisogna restare un tantino livorosi per motivi di passaggio che talvolta esulano la comprensione di sconosciuti”.

    Paole intruse:
    – incudine
    – icto oculi
    – tale

    Grado di difficoltà: 5
    Tempo a vostra disposizione: 60 minuti

  40. A scelta:

    – la copertina del secondo romanzo di Duchesne;

    – il dizionario superegovsme-italiano italiano-superegovsme;

    – un passaporto falso cubano con foto del ProfCubano;

    – lo stipendio di un idraulico;

    – un idraulico;

  41. @supergovsme o quel che è.

    caro/a mio/a:
    rispondo a tono al tuo commento. Blablablablablablablabla e poi blablablabla bla.
    E ancora bla.
    E poi bla.
    Adesso che parlo la tua stessa lingua sono sicura che ti è tutto più chiaro.
    Quanto alla vita dura (oh ma povero piccolino, che ti è capitato? Sei caduto dal seggiolone? Hai perso il ciuccio? Ti sei venduto l’anima al migliore offerente e ti brucia che qualcuno te lo faccia notare e ti riconosca come tale? ) sono – per esperienza – piuttosto convinta che ognuno abbia ciò che merita.
    Te compreso.
    Non credo proprio che Dutch abbia bisogno dell’avvocatuccio a difenderlo e penso che sia abbastanza intelligente e preparato da non avere bisogno di te.
    Io non sono affatto livorosa, semplicemente provo pena per certe situazioni, le trovo patetiche.
    Ti dà fastidio?
    Sono affari tuoi.
    Detto questo, ti saluto, ti auguro tante belle cose e ti consiglio una camomilla che troppi succhi gastrici e rosicature varie fanno male allo stomaco e poi potresti dare la colpa alla vita.
    Buona vita, caro mio.

  42. DurAlex, permettimi una critica: bisognerebbe stabilire un punteggio ed un tempo diversi e proporzionali alla difficoltà del singolo messaggio. Una cosa, ad esempio, è cimentarsi col messaggio sub #80, altra cosa farlo con quello sub #27. Il grado tale di complessità-incudine è icto oculi diverso.
    -Surdoué-

  43. @ surdoué

    non posso che essere d’accordo con te.

    Propongo di adottare una scala da 1 a 5 (dove 1 è facile e 5 è difficile di brutto) e un tempo pari a 12 minuti per ogni grado di difficoltà (per livello 1, 12 minuti; livello 2, 24 minuti; fino al livello 5, 60 minuti)

  44. @DK: la mia vita è una favola. Perché così la voglio vedere. Sempre.
    Duch non ha bisogno di me, questo è chiaro, ma un’avvocatuccia come me diventa la tigrotta che è sempre stata, se si accusa chi è bravo, senza dimostrare la propria di bravura. Tu pensi che tutti siano patetici, beh se lo sono tutti, come dire… direbbe un mio amico, anzi amico poi non troppo: “Tutti i gatti hanno gli occhi, Socrate ha gli occhi, quindi Socrate è un…” e non lo diceva Socrate sia chiaro.
    Il mio stomaco cmq funziona d’un bene. Anche il mio catabolismo se t’interessa.
    Baci e squisitezze, ma sul serio.
    @DuraAlex: ti lovvo!

  45. “Tu pensi che tutti siano patetici, beh se lo sono tutti, come dire… direbbe un mio amico, anzi amico poi non troppo”

    Alex, su una scala da 1 a 5 questo pensiero che grado di difficoltà ha?

  46. Il mio stomaco cmq funziona d’un bene. Anche il mio catabolismo se t’interessa

    SOLUZIONE:

    Bene, anche Il mio stomaco funziona, se t’interessa.

    PAROLE INTRUSE:
    – cmq;
    – d’un
    – il mio
    – catabolismo

  47. #95
    era talmente facile che la soluzione andava trovata in meno di 6 minuti

    Te lo passo come esercizio di warm up. Ora applicati

  48. Dagli archivi

    Esercizio livello 3. Tempo 36 minuti.

    “Da quello che mi spiegano (preciso se no Carlà morde) l’avvocato d’affari è sostanzialmente e, soprattutto tanto vale con riguardo ad alcuni specifici campi, un consulente legale.
    L’avvocato di tipo tradizionale è un uomo di tribunale. Poi tutto dipende da come svolgi la professione: anche il più grande luminare tradizionale scrive e pensa in funzione del successo processuale o per evitare il processo in sè e per sè. Questa è la sua forma mentis, anche se fisicamente in tribunale non ci va”.

  49. Per i più abili.

    Livello 4. Tempo 48 minuti.

    “Chiedo però lumi, a chi li voglia dare, sul perché simile apparizione nobiliare sia passata sotto silenzio… a me non sembrava di poco momento. Anche se certo, certosino Italo, ma Raimond dove lo mettiamo con il suo Calvadòs?”

  50. Cioè Calvino mangiava il certosino e Queneau il calvados ?
    Ma non erano i normanni ?
    E la certosa di Parma dov’è finita ?
    Mi piace questo esercizio !
    p.s: molto bello l’intervento di Duch! Me ne ricordo anche io parecchi, indottrinati dal grande capo a massacrare le segretarie solo per una questione di censo. Bello bello, quest’anno sarà sicuramente un po’ meno buonista di quanto non sia stato lo scorso.
    W LA CRISI

  51. Oddio che ridere!!
    Alex, non è che possiamo indire tornei serali?? Non riesco ad applicarmi: devo lavorare!
    Samoa: ciao a te! Ma scusa, conosci qualcuno che mangia Calvados?
    Mi sembra di essere precipitata in un quadro di Dalì.
    Baci
    Carlà

  52. Baronessa P:

    davvero splendido il commento in cui hai rivelato che a te Giuseppe fa sesso. Se sei onesta, chapeau. Se e’ una battuta, chapeau uguale. Bisogna essere fighe e intelligenti per fare quel commento onesto/quella battuta. Mi hai conquistato (quasi definitivamente). Non che tu non la occupassi gia’, ma diciamo che con quel commento hai ulteriormente consolidato la tua posizione nella mia personale short list.

    Laureata (Superegovsme):

    non ti curar di loro ma guarda e passa, mi verrebbe da dire. Ma non c’e’ bisogno che te lo dica perche’ come in simili occasioni lo stai facendo maestosamente. Pochi sembrano ricordarsi che di word salad (e’ questa forse la sindrome piacevole di cui soffri) si puo’ essere affetti solo se si e’ molto intelligenti (un esempio per tutti il Sig. Ill.mo Avv. Alan Shore). Il fatto che tu abbia detto al simpatico moralista DurAlex “ti lovvo” ti fa ancora piu’ onore. Che tu non te la prenda per i commenti perfiducci indica inoltre avvenenza (fisica, avvenenza fisica, si’). E si sa che intelligenza e avvenenza femminile generano in me lucide, appassionate, palpitanti erezioni.

    Grazie a entrambe. Forse oggi il mio seme non sara’ sparso invano.

    Il Lettore Segaiolo
    (in versione ineditamente cavalleresca)

  53. Non c’è niente da fare…ormai è sempre così: intorno ai 70 comincia la battaglia…dopo i 90 è mattanza!

    Meno male che Alex ha trovato il modo di tenere tutti occupati…

    Pure io ricordo un bambinello che, molti anni fa, nascosto sotto alla scrivania del padre, sbraitava testualmente che “non voleva tornare a casa con ma macchina schifosa della segretaria” (impropriamente delegata a tale incombenza), “ma con la mercedes di papà che va come una porsche”.
    Aveva assai meno di nove anni.
    E questo, semmai, rende la cosa più grave, temo…

    Samoano, cosa ti fa pensare che l’anno appena conclusosi tra lacrime, sudore e sangue sia stato “buonista” ?!?

    Buone cose, b.

  54. Duchesne meno male ci sei te.
    Altrimenti prova a spiegare ad un/una fidanzato/a o amico che fa un altro mestiere che lavori in media 18 ore al giorno, che non hai ferie, che se proprio Dio esiste hai un we libero ogni 4, che non puoi andare dal dentista se non alle 7 e 30 del mattino, che non ti puoi ammalare, che la sera se riesci a tornare a casa sui gomiti alle 22 può sempre suonarti il telefono e può toccarti di rivestirti e tornare in studio…..e che fai tutto questo per QUALCUN ALTRO….
    O spiegaglielo ai Fortunati come si muove la vita negli studillegali…
    …Eppure c’è stato un giorno, un fulgido momento del passato, in cui anche io lavoravo ed ero felice…prima di venire a Milano…
    …ormai cercando conforto anonimo in rete annego il ricordo che quei giorni luminosi non torneranno più…

    …O smetto di fare questo lavoro, ALLA SVELTA, o presto mi faranno un TSO di quelli seri.

    Duchesne, dì la verità….nello studio illegale te in realtà sei GIUSEPPE!!!!

  55. LS, siamo sicuri che la laureata non risponda perchè ancora intenta a risolvere l’enigma sub #98 di Alex?

  56. …scusate ho visto che nel blog ci sono degli Accademici della Crusca e leggendomi ho notato che il mio commento n. 104 contiene un errore orripilante che potrebbe causarmi decine e decine di insulti.
    Volevo dire nella quartultima riga “il ricordo di quei giorni luminosi che non torneranno più” e non “il ricordo che quei giorni luminosi non torneranno più”.
    Scusate, mi ci mancherebbe solo di essere cazziata su un blog per un refuso ortografico, così mi ammazzo di sicuro.

  57. tranquilla, cucciolotta depressa n. 104/106
    Oggi siamo tutti concentrati nell’impresa di capire il senso dei messaggi della laureata
    Il tuo refuso te l’abbiamo perdonato.
    del resto errare è umano, è il perseverare della laureata che è diabolico

  58. LS questo è un ringraziamento, davvero.
    Grazie di renderci tutti partecipi delle tue delizie e dei tuoi sconforti e di motivarceli nel dettaglio.
    Ciò schiude le nostre menti ad universi sconosciuti.
    La prosa raffinata, l’acutezza e la motivazione lucida ed artistica dei criteri di selezione delle tue ninfe ispiratrici suscitano pura ammirazione per la chiarezza e l’onestà intellettuale che manifesti.
    E dico sul serio
    Carlà

  59. @105: in effetti qualora la mia Laureata con un colpo di scena risolvesse l’enigma #98 decodificandolo in italiano corrente, beh cio’ mi farebbe, come dire, “scoppiare” di gioia. D’altra parte anche io talvolta (anche se raramente) trovo conforto nella pratica della difficile arte dell’accontentarsi, per cui intanto vediamo come va. Rimango convinto ad ogni modo che la circospezione cui la Laureata mi constringe quando mi “cimento” con lei abbia almeno un effetto positivo, ed e’ anche per questo motivo che non riesco a “lasciarla”. Ella stimola i miei istinti piu’ nascosti e predatori a discapito di quelli (evidentemente piu’ manifesti) di carattere tardo-intellettualoide/onanista che governano la mia travagliata personalita’. Il che non mi sembra un male.

    Alla nuova trafelata eroina che si e’ appalesata (pur nell’anonimato) ai # 104 e 106 vorrei rivolgere un consiglio da fratello maggiore “cara amica mia, se la prospettiva di essere dileggiata/corretta/ripresa nel blog proprio ti rattrista (non dovrebbe), cerca di evitare di correggere i tuoi commenti precedenti se non sei assolutamente certa che il tacon non possa rivelarsi, alla fine, molto peggio del buso”.

    @Carla’: prego, di nulla. Non dubito che il mio manifesto possa implicare qualche beneficio collaterale quale quello di aprire la mente di taluni (il tuo commento sembra suggerire che tu sia portavoce di una collettivita’ di persone) a “universi sconosciuti”. In realta’ come sai le mie intenzioni sono squisitamente egoistiche (anche se disperate, e quindi meritevoli di una qualche forma di compassione). Il mio e’ onanismo astratto e solipsistico, molto pericoloso per la salute. La mia e’ una sega di Munch.

    It obviously sucks to be me.

    Il Lettore Segaiolo

  60. @L.S.: sarebbe sterile nascondere il piacere che mi reca leggerti. sapere di esser tra le tue predilette (che è ben altra cosa, Carà Carlà sia detto con l’affetto che ora realmente ci unisce, dall’esser Tue ninfe o ben peggio ninfette) è…
    Eppure, eppure, Tito ci insegna che è bene disperdere il proprio seme in vano.
    Ecco Tito, Tito…
    Dunque ei era alla destra o alla sinistra di Colui Il Quale asperse Semi di tutt’altra fattura, i Semi che tutti noi dovremo cogliere per seminare?
    Questo è quesito verso il quale mi interrogo da mesi, non avendo occhi per accostarmi laddove tanto si potrebbe sapere.
    Molti mi dicono: non è scritto perché non importa.
    Può essere.
    Ma l’unica cosa che, con poca umiltà, ritengo vi sia di diabolico in me è la curiosità.
    E quindi a voi lo chiedo: dov’era Tito?
    Oggi il Diletto mi dice: non è scritto.
    Ma il Diletto ha quel dono a me precluso: la sintesi.
    DurAlex, per me nient’affatto falso moralista: tempo di decrittazione?
    io punto sui 80 min grado Alfa.
    Con la sentita preghiera di non fare battutacce.

  61. Cucciolotta #104-106

    Purtroppo quello non era l’unico errore: noto un [dì] in luogo di [di’] all’ultimo rigo.

    Combattuto tra il sentimento di pietas e simpatia per la tua freschezza e il dovere di rettificare le impurità del mondo, ti getto con ciò in pasto ai pescecani.

    Che la forza sia con te.

    -Surdoué-

  62. Surdoué!?!…. ma vai a cagare!
    Con tutto il cuore….

    Che la dissenteria ti prenda per tutta la notte!

  63. Caro 113.

    Ti scrivo da sopra la tazza del cesso.

    La tua maledizione ha colpito!

    oppure è stata quella salsa messicana…

    mentre ci penso, ti dedico questa cagata. Con tutto il cuore, ed immutata stima.

    -Surdoué-

  64. Qualcuno di voi sa qualcosa di Zitiello e associati? Mi sembra interessante, ma non conosco nessuno che ci lavori, quindi non so…
    Grazie a chi vorrà rispondermi!

  65. Rilanciamo il giochino delle retribuzioni che vi tenne impegnati alcuni post orsono?
    Rilanciamolo, dai.

  66. Complimenti per lo stile! (Sul contenuto non aggiungo nulla, perché mi sembra sia stato detto già tutto). La battuta finale sulla matita mi ha ricordato le mitiche scenette di Charlie Brown

  67. La Laureata è in realtà LW che è tornata sul blog dopo essersi calata un cartone da cui non si è ancora ripresa durante un viaggio in India con la cugina She(male).

    (Laureata, in realtà io ti amo).

  68. LS: ma lo so cucciolotto mio che cerchi compassione…. tutto imbozzolato nella contemplazione del tuo sè.
    E va bene, ma se dobbiamo esplorare la meravigliosa varietà umana…. puoi essere di interesse.
    Solo una cosa: meglio lasciare Munch da parte. In effetti, solo per il fatto di essere un artista lui voleva comunicare con il mondo, invece.
    Baci
    Carlà

  69. Temo non abbiate colto il vero senso dell’articolo.
    La chiave è nei capelli a scodella.
    Lo studio illegale rende pelati, come ci è stato sapientemente descritto.
    E’ tutta lì l’invidia

  70. ma si dai però smettiamola… ragazzi basta cambiare lavoro se fa così schifo; basta avere il coraggio di farlo, e soprattutto il coraggio di guadagnar meno. Viziati come siamo..

    Io non sopporto la gente che si lamenta sempre, a me basta che nevichi e sono già più contenta…

    E lavoro con quelli cattivi veri, a proposito…

    Però duke (con la K dura…. e vuol dire tanto) sei bravo, magari “c’hai l’x factor!!”” (ahaha, oddio no non bisogna ridere delle proprie battute, “Ridicule”)

  71. Carla’: non sono sicuro di aver compreso il tuo commento (122). E’ probabile che io mi sia spiegato male.

    Non cerco compassione. Ho solo detto che la mia disperazione potrebbe essere meritevole di compassione. Non sono abbozzolato nella contemplazione di me stesso, bensi’ concentrato in una ricerca specifica: reperire, fra gli scritti delle commentatrici di questo blog, alcune tracce, alcune indicazioni in merito alla loro (vostra) possibile avvenenza fisica (secondo generally accepted beauty principles – GABP) e alla loro (vostra) possibile intelligenza.

    L’analisi come sai e’ capricciosa e personalissima, e non suscettibile di judicial review. Il reperimento dei cari indizi e’ per me fonte di gioia appassionata che si traduce nel trionfante e copioso spargimento di seme sui prospetti informativi, sui contratti di collocamento, sugli ISDA MA, eccetera.

    Il mio e’ esercizio tanto difficoltoso quanto romantico, e non ha nulla a che fare con l’intenzione di suscitare qualche interesse (in te, nella societa’ in generale, e perfino nelle mie “candidate”). Quanto alla mia espressione “sega di Munch”, di nuovo non comprendo la tua posizione. La mia e’ una sega di Munch in quanto e’ una sega disperata. Mi sembra che il richiamo con il famoso dipinto ci possa stare, no? Perche’ dovrei lasciare stare Munch dal momento che “lui era un artista e voleva comunicare con il mondo”? Io non vorrei comunicare, dunque? Oppure un artista sarebbe comunque tenuto a voler comunicare con il mondo, e io non sarei un artista? Davvero non capisco. Ma e’ sicuramente un problema mio. Ne ho cosi’ tanti, ultimamente.

    It sucks to be me, more then ever.

    Il Lettore Segaiolo

  72. LS se invece di perdere tempo a farti le seghe facessi altro…beh forse ti sentiresti meglio…magari una cubanita? O direttamente una cubana?
    Fammi sapere.
    Hola
    ProfC

  73. 129:

    Grazie per la correzione (anche se l’hai erroneamente rivolta al mio amico LF e non a me). Come sai, il francese e’ sconosciuto ad ogni illegale che si rispetti (e io, modestamente, lo nacqui). Mon dieu, mon dieu, dunque!

    Prof. Cubano:

    Secondo te io davvero “perdo tempo” a “farmi le seghe”, mentre invece dovrei occuparlo (non ho capito esattamente come) con una “cubana” o una “cubanita” (immagino che una cubanita sia una versione mignon di una donna cubana)? Lo pensi sul serio? Date le premesse del mio manifesto, non riesco a comprendere come cio’ potrebbe farmi sentire meglio. Sarei felice ad ogni modo di leggere una ulteriore elaborazione del tuo suggerimento.

    Il Lettore Segaiolo

  74. PARERE: dato che non conosco la realtà milanese mi sapreste dire se per un neo avvocato la proposta di collaborazione di 2000 euro/mese più la possibilità di avere clienti prendendo il 30-40% è una buona offerta?Si tratta di uno Studio tradizionale associato composto da una decina di avv. grazie Meglio sempre Law firm? ciao a tutti

  75. interessante il giochino delle retribuzioni, ma in fondo le sappiamo già..
    piuttosto, visto anche che ci fa cagare quello che facciamo, rilancio:
    “come si diventa in-house e quanto guadagnano”
    dibattito aperto

  76. A parita’ di esperienza e negli anni diciamo di ” gioventu’ ” (dalla laurea a 5-6 anni dopo), a quanto ne so, gli in-house guadagnano quanto gli illegali (vero, prendono un netto mensile in media piu’ basso, ma e’ anche vero che lavorano un numero di ore molto piu’ basso e in piu’ hanno tutte le tutele ecc.).

    Il loro lavoro pero’ e’ meno rischioso (sicuramente meno precario), per cui – essendo una posizione in-house ugualmente remunerata rispetto a una posizione illegale, specialmente in considerazione del principio base di finanza non solo aziendale relativo al time value of money – fossi una specie di job arbitrageur neolaureato andrei in-house senza pensarci troppo su. In questo contesto pero’ si inserisce anche l’aspetto reputazionale tipico del mondo illegale. Andare in-house e’ infatti spesso visto come una specie di sconfitta dagli illegali (da quelli che non ci sono riusciti, prima di tutto, ma deep inside, anche un po’ da quelli che ci sono riusciti!), e cio’ complica non poco la faccenda.

    Io ho il problema ulteriore che se mi fa certamente cagare fare l’illegale (eppure ora lavoro a Londra, discretamente pagato, perfino, ma con l’agghiacciante prospettiva di dover rientrare a Milano prima o poi), mi fa anche cagare l’idea di andare in-house… Quindi rimango qui, sitting on the dock of the bay, watching the tide roll away…

    E magari la’ nel buio sta montando uno tsunami che fra poco spazzera’ via tutto, me compreso.

    Illegal Gatsby

  77. @Prof: mi chiedo per amore di provocazione. Sarai stato più o meno chiaro di quando dicesti che NON e dico NON saresti più intervenuto perché contento dell’amore della tua “principessa” (se non vado errata circa il titolo che Le attribuivi)?
    In quel caso a me, che sono un’ottimista e ho fiducia sconfinata nell’altrui, apparisti chiarissimo, tanto che in un momento di debolezza, davanti l’assordante tuo silenzio, provai anche la tua mancanza.

  78. ecco due cose di cui, con la laureata, non ci sarebbe pericolo:
    – che ci annunci di non intervenire più (magno gaudio)
    – che se ne senta, di conseguenza, la sua mancanza

  79. LS: si mi è chiaro che non hai compreso. Andiamo con ordine:
    1) sei concentrato su una sola specifica ricerca,
    2) non ti interessa nulla di comunicare agli altri gli esiti della stessa, poichè tu ne sei giudice unico ed insindacabile,
    3) Munch è stato evocato per significare seghe disperate.
    Allora ti dico:
    1) che tu sia monotematicato è pacifico e di tutta evidenza,
    2) che non ti interessi di comunicare agli altri non è vero perchè ci illustri in continuazione il tuo decalogo dei criteri di selezione,ed aggiorni la lista delle muse,
    3) io dicevolsolo che un artista ha il bisogno di esprimere qualcosa all’esterno, mentre tu dici che per te non è così.
    Detto ciò, una curiosità: sei riuscito a determinare l’avvenenza fisica delle ladies in base ai loro scritti?
    Laureata: abbiamo capito che il Cubano aveva promesso di non ammorbarci più, però magari, variare gli interventi sul punto…..
    Baci a tutti
    Carlà

  80. “Fiducia sconfinata nell’altrui”

    Apparisti chiarissimo, tanto/
    che in un momento di debolezza, /
    davanti l’assordante tuo silenzio,/
    provai anche la tua mancanza.

    Laureata 1 – Leopardi 0

    Generazioni di studenti si romperanno la testa sul titolo della lirica: fiducia va bene, ma “nell’altrui” cosa?

  81. La Laureata è una poetessa.
    Ed io la amo.

    “Altrui” è chiaramente una licenza poetica, giustificata peraltro dal fatto che le delicate ditina di Lei hanno fretta nel tentativo di seguire la Sua mente troppo veloce.

    Il punteggio di #150 è, dunque, corretto. Creatura di luce 1 – gobbo e tisico scrivano 0.

    Al #148, la tenia, non sia invece dato da mangiare.

  82. Ora Creatura di luce me pare un tantino esagerato… ma appena appena.
    diciamo simpatica lanterna.
    Gobbo a Giacomino mio non posso sentirlo dire.
    Io lo adoro.
    Ci sono dei suoi passi che da giovane mi commuovevano sino alle lacrime.
    se poeticamente riscissi ad allacciargli le scarpe sarei soddisfatta (che per me equivale a gioia esplosiva ed incontrollata).
    @Carlà: dai son variegata… è che gna fò.
    @Cubano: perentorio, in tal frangente.
    @Anonimo: io andrò via solo quando vedrò cancellati i miei commenti dal “mio” Duca. Che è garbato con tutti proprio con tutti, quindi credo lo sarà anche con me.

  83. E’ tornato il Cubano:
    che risate!
    Allora è davvero più patetico del previsto.
    Continua così giovanotto e grazie per la varietà di argomenti con cui ci sollazzi.

  84. Mia simpatica lanterna, erano solo ironiche esternazioni.
    Parola di chi ricorda a memoria almeno quattro poemi del g… giacomino da quand’era circa undecenne. E non perché io abbia buona memoria.

    Tuttavia t’ho ferita.
    Dunque, come Zohan in “tutte le donne vengono al pettine” (raro capolavoro cinematografico, che inserirei grossomodo fra “à bout de souffle” e “l’avventura”) mi conficco nella coscia un paio di forbici. E mi taccio.

  85. Carla’

    purtroppo ho l’impressione che il nostro stia cominciando a diventare un dialogo tra sordi quindi proporrei di abbandonarlo, se sei d’accordo.

    Uscendo per un attimo dal personaggio LS, trovo sorprendente e un tantino sconfortante che dai miei scritti non emerga in modo lampante che il mio e’ un divertissement letterario, ideato da illegale annoiato quale sono, complici questi tempi di credit crunch in cui la curva del cazzeggio in studio si e’ vertiginosamente impennata (a dire la verita’ qualcuno mi sembra l’abbia perfino capito, ma e’ anche vero che queste voci sono sporadiche mentre la tua, di voce, absit iniuria verbis, qui dentro e’ tutto tranne che episodica, quindi non posso non tenerne debito conto – cio’ detto ti condono le convulsioni laliche, immagino che ti stia annoiando molto anche tu!).

    Ma devo veramente spiegare a te che lo so benissimo che dagli scritti di una donna non si possono evincere con assoluta certezza avvenenza e intelligenza, che in realta’, broadly speaking, sto scherzando, e che la corbellerie che scrivo servono il personaggio che ho ideato? Per carita’ lo faccio pubblicamente. Occhio pero’ che cosi’ poi rischi di farti accostare al Prof Cubano, al quale mi tocca spiegare che chi ha ideato il Lettore Segaiolo scopa regolarmente (non tanto quanto il Prof Cubano, sia ben chiaro!), mentre invece il Lettore Segaiolo non scopa proprio perche’ non intende farlo (that’s the whole point, for Chrissake!). Consigliare al Lettore Segaiolo di farsi una sana scopata non appare anche a te semplicemente un po’ sciocco, un po’ ingenuo, date le premesse? Ah, confermo anche di non masturbarmi sui prospetti informativi (solo sugli ISDA Master – scherzo). Siamo davvero a questo punto?

    Ora, mentre all’irruente Prof Cubano si puo’ anche concedere la scusante di non riuscire a comprendere al meglio le sottigliezze, l’ironia e i paradossi contenuti in uno scritto in italiano, a te che sei una collega (!!) questa scusante e’ piu’ difficilmente riconoscibile, non trovi?

    Rientrando ora nel personaggio, please find below le tanto attese (yeah right!) pagelle. Ricordo che i vari scritti esaminati devono aver suscitato in me l’impressione che le autrici siano dotate di avvenenza fisica e di acume intellettivo. Entrambi i requisiti pesano per il 50% ai fini della promozione, che si sostanzia nell’essere state le protagoniste, almeno una volta, di una sega di Munch, cioe’ di una sega perversissima e disperata fatta nella convinzione che una figa e intelligente nella realta’ non esista, e che quindi uno si debba accontentare delle impressioni virtuali. Il mio giudizio e’, needless to say, inappellabile. L’esercizio in questione, e’ un DIVERTISSEMENT DI TIPO LETTERARIO, formulato in maniera capricciosa e basato su certe bizzarre teorie che ho in testa. Non pretende di essere ne’ accurato ne’ veritiero. Tuttavia, m piace pensare che abbia comunque una sua forma di coerenza, seppure a tratti solo ineffabile e intuitiva.

    And the results are…

    1) LW (figa e intelligente): PROMOSSA

    2) Mia (figa e intelligente): PROMOSSA

    3) RedRose (intelligente ma non figa): BOCCIATA

    4) Isdenora (ne’ figa, ne’ intelligente): BOCCIATA

    5) ValinLux (abbastanza figa, ma non troppo intelligente): BOCCIATA

    6) Carla’ (ne’ figa, ne’ intelligente): BOCCIATA

    7) Queen Camilla (tough call: discretamente figa, intelligente): PROMOSSA SUBJECT TO FURTHER VERIFICATION

    8) Baronessa P (figa e intelligente): PROMOSSA

    9) Glamourgirl (figa ma non intelligente): BOCCIATA

    10) BimbaVeneta (abbastanza figa, abbastanza intelligente): PROMOSSA SUBJECT TO FURTHER VERIFICATION

    11) Kinky (forse un uomo, molto intelligente): BOCCIATA

    12) Groupie (ne’ figa, ne’ intelligente): BOCCIATA

    13) AllyMcBeal (ne’ figa, ne’ intelligente): BOCCIATA

    14) Maestrina dalla Penna Rossa (figa e intelligente): PROMOSSA

    15) Dottoressa del distretto Militare (forse un uomo, intelligente): BOCCIATA

    16) Laureata (Superegovsme) (figa, forse intelligentissima, forse irrimediabilmente matta): PROMOSSA SUBJECT TO FURTHER VERIFICATION

    Il consiglio che mi sento di rivolgere alle promosse e’ quello di non esultare, mentre quello rivolto alle bocciate e’ di non disperare. Il mio Jackie ‘O Club e’ infatti sorprendentemente mobile e liquido. Io sono giudice severo, puntiglioso, ma non pregiudizievole. Raramente nell’esame di un nuovo scritto mi faccio influenzare dalla past performance. La mia masturbazione e’ per definizione solipsistica ma ha il vantaggio di essere, allo stesso tempo, molto liberale.

    Kind regards,

    Il Lettore Segaiolo

  86. LS ma allora non hai proprio xapito: i kiei sinceri complimenti del primo post erano proprio relativi al tuo divertimento letterario. Poi hai iniziato a concionare e…
    Vabbè, chissene.
    Baci
    Carlà

    PS Io da mò che ti avevo bocciato…

  87. Ieri. Per caso. Un invito per l’ormai prossima uscita del romanzo. Non capivo. Una rapida ricerca su google, trovo il blog. Leggo, molto. Quello che scrivi, il modo in cui comunichi ha un sapore strano, però gradevole anche se amaro. Mi confonde, eppure vivo una realtà così simile alla tua. E non so se il tuo è l’ennesimo invito a scappare o…l’idea di una diversa prospettiva, chiave di lettura. Comunque, confortante.

    “La vita di ogni uomo è una via verso se stesso, il tentativo di una via, l’accenno di un sentiero. Ogni uomo non è mai interamente lui stesso, eppure ognuno cerca di diventarlo, secondo le possibilità. Certuni non diventano mai uomini, rimangono rane, lucertole, formiche. Taluno è uomo sopra e pesce sotto.. tutti noi abbiamo in comune le origini, la madre, tutti veniamo dallo stesso abisso; ma ognuno, tentativo e rincorsa dalle profondità, tende alle proprie mete. Possiamo comprenderci l’un l’altro ma ognuno può interpretare soltanto se stesso”. Herman Hesse, Demian

    Mi è venuta in mente leggendo di te. Leggendo te.

    Ciao.
    “Paloma”

  88. “poi hai iniziato a concionare” non e’ male. E anche ricordare nel P.S. che tu mi hai bocciato da mo’ non e’ male. Brava, discreto colpo di reni. Nella mia totale incomprensione di quanto volevi dire prima (di cui mi scuso), stavo cominciando
    a disperare!
    Affectionately,
    LS

  89. Che il tuo, LS, fosse un mero divertissement letterario, a me era parso piuttosto evidente sin da principio. E mi stupisce un tantino che si sia rivelata necessaria tale precisazione.
    Complimenti per la prosa.
    Anna O’

  90. Caro LS

    in qualità di moralista-moralizzatore sono costretto a rammentarti che Prof Cubano non scopa. Al più dispensa gioia orgasmica dal vago sapore extracomunitario ad annoiate mogli di illegali. Tra un idraulico e l’altro, si intende..

    PS. post straordinario, se mi permette

  91. Duralex, ma quello non era 800A? Quello che andava con le mogli, dico.
    A quale post ti riferisci? Di straordinario oggi non ho letto nulla (nemmeno ieri, se è per questo).
    Junior

  92. Ohhhh, finalmente un bel post. Io però vorrei modificare qualcosa nella classica:

    1) LW (figa, forse un po sovrappeso, arguta e pungente): TROMBABILE…Ma devi avere American Express Platinum

    2) Mia (affascinante): DA APERITIVO E POI CHISSA’

    3) RedRose (intelligente, simpatica, solare, secondo me con un bel culo): DA CUBANITA

    4) Isdenora (molto figa, intelligente, ottima cuoca): DA SPOSARE

    5) ValinLux (per niente figa, scarasamente intelligente, triste, autolesionista): DA CONSIGLIARE AL TUO PEGGIOR NEMICO

    6) Carla’ (forse figa, molto intelligente, un po’ acida): MANEGGIARE CON CURA, MAGARI SI SCOPRE CHE IL SUO ATTEGGIAMENTO E’ TUTTO UN BLUFF….O MAGARI E’ PROPRIO ACIDA.

    7) Queen Camilla (il nome inganna, quindi moderatamente figa, intelligente, usa troppi pantaloni): DA CENA MESSICANA, ALLA TERZA CORONA SI SCIOGLIE.

    8) Baronessa P: REGINA DEL SESSO

    9) Glamourgirl: VEDI Baronessa P.

    10) BimbaVeneta (figa, abbastanza intelligente, un po porca): DA INCONTRO AL BUIO

    11) Kinky : CHI CAZZO E’?

    12) Groupie: COME KINKI

    13) AllyMcBeal (acida, ignorante come una capra): DA ROTTAMARE

    14) Maestrina dalla Penna Rossa (troppo Libro Cuore non inganna): DA CLUB PRIVE

    15) Dottoressa del distretto Militare (troppo Edwige Fenech, uomo sicuramente): INVIARE DA UROLOGO PER CONTROLLO RETTALE

    16) Laureata (Superegovsme) (arrapata, discretamente figa, over40): CON UN TAPPO IN BOCCA TI GARANTISCE DELLE SANE SCOPATE

  93. Solo per dissociarmi totalmente dall’intervento (davvero sguaiato, mio dio) del Prof. Cubano (#170).

    Credo nella liberta’ di chiunque di poter scrivere cio’ che gli pare in relazione a qualsiasi argomento, ma mi rammarico di avere facilitato la pubblicazione, in questa occasione, di un commento autenticamente nauseabondo.

    Apologies,

    LS

  94. LS…che ci vuoi fare, non tutti abbiamo il tuo tatto…io sono un povero, rude cubano

    ProfC nn loggato

  95. Come sempre quando mi connetto dopo un po’ trovo mirabilie.
    Devo lasciarvi andare a voi stessi.
    a)Sì sono matta.
    b)No non sono quarantenne.
    Ho solo sedici anni undecies.
    c)Forse sono mediamente intelligente, intelligentissima non credo.
    d) perdonami L.S.: Isde è fighissima.
    @Anonimo affezionato e trasversale (sei qui, sei lì): ma no, non recidere, o forbice, quella coscia.
    @Anonimo apprezzatore (posto che tu non sia sempre il di cui sopra): thank you very much indeed.
    non sarò la più figa ma fa brodo sentirlo.
    @Cubano: se “virtus se satis ostendit”, credo che anche il suo contrario segua cotal regola.
    @L.S. : sempre tua, sperando in un maggior determinante segue.

  96. Uff. Sono sempre il di cui sopra.
    Quindi non mi merito i ringraziamenti, I suppose.

    😦

    Solo la forbice.

  97. Scusatemi, non comprendo una cosa. Ma perchè uno può dire dove ama spargere il suo seme e se una donna è figa o meno mentre un altro non può dirci chi, secondo lui, ha un bel culo o è trombabile.
    Propongo un forum di illegali maschi per confrontarci sul tema. Intanto sono qui a correggere le slides che il capo mi ha rivisto alle 20…
    Junior

  98. La differenza fra lo stile perfetto di LS e la grettezza di Prof C mi sembra evidente. Junior, si sente che sei junior… torna alle slides che poi fai troppo tardi e ti lamenti che fai tardi (cosa tipica da junior).

    Senior

  99. Beh, francamente mio caro Senior “lo stile perfetto di LS” non lo capisco proprio…se non ricordo male LS definiva le donne fighe o non fighe.
    Vedi mio caro Senior, se tu (come molti dei tuoi colleghi) non ti fermassi all’apparenza delle cose forse capiresti le ragioni del mio post e anche il motivo per il quale ho volutamente utilizzato un linguaggio “gretto”…. ma mi rendo conto che andare oltre le apparenze non è una capacità che molti hanno, sicuramente a te manca.

    @LS: manca Ladygx al tuo elenco, come mai?

    Buona giornata
    ProfC

  100. oh my God, I can’t believe it
    va meglio?
    ;D

    PRECISAZIONE DOVEROSA: non era uno “sventolarsi”.
    Evidentemente non cogli il tono ironico che stava dietro a quella esclamazione.

  101. Laureata 2 – Leopardi 0

    “Sempre tua, sperando /
    in un maggior determinante segue.”

    Quasi quasi chiedo al praticante-partner di smetterla di tacchinare su facebook per farmi un’esegesi di questo distico elegiaco.

    E comunque, prima di forbice non ci va “o”. Altrimenti anche montale sembra pascoli.

  102. @185: hai ragione.

    Ladygx(discreta, colta, sicuramente elegante, probabilmente carina): DA INVITARE A TEATRO E POI A CENA…E POI CHISSA’

    Adesso abbiamo finito mi pare

    Saluti
    ProfC

  103. I soliti ani che non accettano che un povero cubano faccia felici le loro donne.
    Invidiosi e beceri.
    Solo perché sono bello, intelligenti, pieno di capelli, single e faccio la cubanita.
    Patetici!
    ProfCnonloggato

  104. No, scherzavo, ho il massimo rispetto per te.
    Devi essere una persona splendida, piena di cose da dare, caldo come il sole della tua terra, generoso, ironico, paziente.
    Anche se nel tuo paese in tanti ti aspettano, resta ancora un po’ con noi, dai!
    Profnonloggatocoglione.

  105. LW ha un blog sadomaso!
    Finalmente ha trovato la sua strada.
    Chissà che anche Brett trovi la sua strada.
    Luomochesussuravaaicavalli:bastaaaaaaaa!

  106. Prof C sono curioso: va ancora avanti la splendida storia d’amore iniziata con una gentile signorina conosciuta grazie a questo blog? Quella in seguito alla quale – avevi dichiarato – avresti smesso per sempre di commentare? L’hai fatta felice, lei? E’ felice? E te lo concedo, non riesco a guardare oltre le apparenze. E’ un mio difetto.

    Senior

  107. Quando l’ho dovuta citar per bene, l’ho fatto.
    Colloquialmente ho reso Montale ben peggio di Pascoli (verso il quale mi sto riavvicinando… il fanciullino beata teoria): l’ho superegovsmeizzato, che è peggio!

  108. L’ho fatta felice come una Pasqua: la cubanita non fallisce mai. Dovresti provare anche tu. Se vuoi delle lezioni, chiedi pure. Io pratico indistintamente con entrambi i sessi.
    La storia naturalmente prosegue: chi prova la cubanita ritorna.
    Io la amo e lei ama me.
    Ma preferisco non parlarne troppo, per non sporcare un bel sentimento.
    Agli ani invidiosi un avvertimento.
    Le vostre mogli saranno mie.
    ProfCnnlogg

  109. Cubano sto ridendo di gusto: ma non eri tu quello che se ne doveva andare dal blog “col botto”?! Sei comunque un personaggio, non dico positivo eh! Ma hai un significato perfino tu.

  110. Ti ringrazio.
    Essendo del tutto privo di umorismo apprezzo solo chi mi adula.
    E comunque il mio è un sentimento vero, inossidabile, sincero e profondo.
    Se mi dai la tua mail ti invio una mia foto mentre pratico la cubanita, poi, se tiva, ci facciamo un “giro” insieme.
    Ciao amoreeeeeeeeeeeee.
    ProfCnnlog

  111. @Cubano: come fai a dire che vivi un grande amore con una collega del blog e poi continui a proporti a destra e a manca?
    Non ti sembra di essere un tantino incongruente?

  112. L’altro giorno cercavo un testo che non si trova nelle comuni biblioteche. Vado in una delle biblioteche universitarie, dipartimento di diritto privato. Sede staccata, neppure sapevo che esistesse. Entro: ampia sala di lettura, vuota – se non fosse per una studentessa che, dallo sguardo e dai modi, riconosco essere cupida legum.
    C’è un cartello in duplice copia: rivolgersi al bibliotecario. Mi dirigo quindi verso la stanza del bibliotecario: la porta con la targhetta “Signor Bibliotecario” è chiusa. C’è un’altra stanzetta, senza targhe: un uomo dallo sguardo mite ci vive dentro, la sua testa spunta da una pila di schede di deposito e tomi in restituzione, un telefono squilla insistente. Egli però non si lascia distrarre: deve concludere, e possibilmente vincere, la partita al solitario. Mi schiarisco la voce, e mi rivolgo con fare sicuro a quello che, con ogni evidenza, è il bibliotecario di questa biblioteca imbucata, ma pur sempre universitaria. Del dipartimento di diritto privato. Dunque: mi serve il tomo xy: ho già annotato la collocazione; devo fare delle fotocopie. Poca roba, sono venti pagine. E sì, sono dotato di tessera magnetica per le fotocopie.
    Il bibliotecario, senza levare gli occhi dal solitario, mi istruisce: devo prendere la scheda bianca vicino all’uscita, compilarla, imbucarla nell’apposita cassetta nera. Potrò passare domani a ritirare il tomo. Io lo guardo: come domani? A me serve oggi, e il tomo de quo dovrebbe essere disponibile per la consultazione, “a scaffale”, per citare l’OPAC di Ateneo. Lui mi parla di certi tempi, certe procedure standard, certe pratiche che fanno sì che il tempo minimo sia quello. Inoltre, qui di scaffali propriamente non ce n’è, come posso ben vedere: tutti i libri sono collocati in un bunker ad accesso riservato.
    So che è inutile insistere, a questo punto, e vado alla ricerca della scheda bianca. Di schede però ce ne sono due: bianca, e rosa; sembrano identiche, ma a ben guardare vi sono delle diversità minime nelle formulae. Gioco d’astuzia allora: torno dal bibliotecario, e gli chiedo quale delle due schede sia da compilarsi: è proprio sicuro che quella bianca faccia al caso mio? Non vorrei mai sbagliare, far inceppare procedure e standard per uno stupido errore di valutazione.
    Il bibliotecario mi guarda, ora: ha vinto il solitario e soppesa bene le mie parole. “Lei deve solo fare delle fotocopie vero? Mi dia la collocazione, che le prendo subito il tomo”. Due minuti dopo sono a fare le mie fotocopie. Mi rimarrà sempre il dubbio: ha vinto la mia astuzia e capacità di volgere a mio favore i meccanismi della PA, oppure determinante è stata la vittoria al solitario?
    La seconda che ho detto, temo.

  113. Intanto non rispondo agli ani invidiosi, quale tu sei.
    In secondo luogo, non ci vedo alcuna incongruenza. Coglione!
    Profnnlog

  114. mi dispiace per le vostre povere vite…se non avete un cazzo da fare che spacciarvi per altri o scrivere cagate…beh, mi fate pena.

    @Senior: ma è chiaro che è felice. Sai è il potere della cubanita.

    @A tutti coloro che mi chiedono perchè ritorno….beh, visto come siete conciati la mia anima samaritana non può rinunciare a concedervi la chance di sfogare le vostre misere frustrazioni.

    Saluti
    ProfC

  115. …e non è quello che ho detto io!
    @tutti: mi fate pena.
    Voi con i vostri lavoretti miserabili, le pantofole, le fidanzatine e le mogliettine rompiballe che non ve la danno più, il Senior che vi vessa.
    Que via la cubanità e la libertà!
    ProfCnnlogg

  116. Giongion: in effetti è questione di momenti. Ma anche di persone.
    Sarà banale dirlo ma a me il trucchetto riesce con grandi sorrisoni dolci alle bibliotecarie… a certe colleghe il trucco funziona invece con i bibliotecari, anche senza sorrisoni.
    A te la magia è riuscita addirittura con un uomo… giornata fortunata! Probabilmente è stata la partita vinta, ma anche la sala vuota.

  117. Scusate, ma che cazzo è la cubanita?
    le ho pensate tutte: un cocktail, una piccola cubana, una droga per stordire le turiste a cuba e stuprarle, una mossa con l’anca, un’occhiata da cubano, una pratica di fist-fucking, una sonora inculata, una cadillac per andare in giro a cuccare, quell’aria di “cubanità” da macho cubano ma senza accento, una supercazzola per convincerla ad andare a letto, un’associazione per delinquere, un potere magico che invochi urlando “potere della cubanita!” e tutte le femmine ti cadono ai piedi, un modo di imbottirsi il pacco. Tutte le ho pensate.
    Che è? Che diavolo è sta dannata cubanita?

  118. @213: si vede che sei un coglione, che non hai seguito il blog.
    Firmati, prima di fare domande imbecilli.
    La cubanita è…
    Anzi no, mandami la tua mail che magari ci facciamo una aperitivo insieme e ti spiego.
    Se sei maschio, vieni anche con la tua donna.
    Que viva la cubanita!
    Ciao amore. Ti penso anche adesso.
    ProfCnnlog

  119. E poi basta con tutte ste domande, ani maledetti!
    Non ho notizie del Lider Maximo, non ho notizie di casa e la nonna non sta bene.
    Cho tutti i miei cazzi, io.
    A te che mi leggi tra le righe, mandami un messaggio in pvt e poi combiniamo.
    Ti invio la solita foto che ti eccita tanto.
    Non portare tuo marito che è volgare e mi “smonta”.
    ProfCnnlog

  120. ma è meraviglioso! fa venir voglia di strage. tu come la reprimi? fai il super-buono o pensi ai soldi che guadagni (o guadagnerai?)
    Igraine

  121. Igraine, Lui semplicemente di tanto in tanto stampa su carta morbida, poi si chiude in bagno.
    Quando il solito praticante ha di nuovo rubato la carta igienica.

  122. Amore mio, principe dei miei desideri. Chiusa qui nella mia magione ti penso, ti penso ed attendo con ansia il tuo ritorno. Oramai non vivo più senza cubanita…
    Qualsiasi cosa sia.
    Mi hai drogato e io brucio d’amore, si può forse chiamare felicità?

  123. Si, è la felicità.
    Anche un cubano solitario e una cubanita ben fatta possono regalare momenti di autentica gioia.
    Vieni anche tu Carlà, io non ho perso i modi, i modi sono sempre quelli, tu me la dai e io zac, via con la cubanita: più siamo più ci divertiamo.
    Oh mi amor, mi amor, non essere gelosa, il cuore di un cubano è grande, e io ho tanto freddo al cuor.
    Ani maledetti, coglioni, smettetela di gufare, il mio è un amore grande.
    E adesso me ne vado col botto, e scusate l’odore.
    PrfCnonlgg

  124. in effetti era strano che nessuno avesse ancora proposto il fake del cubano
    che mi pare quasi all’altezza del fake di lw
    [anzi, forse è proprio lui, si è riciclato…]

  125. @Facial: sei banale, come immaginavo.
    Se fosse come dici tu, la tua donna non sarebbe ansiosa d’incontrarmi sul web, dove io mieto le mie vittime (signore e signorine di tutte le età, stanche dei mariti banali e superficiali, stressati dai colleghi di studio e privi del calor del la mia Isla).
    La Cubanita è poesia dell’amor e amor poetico e calor de l’hombre e de la ciqa e fusion de desideri e desiderio de fusione è lo stupor del nigno calvo e l’umor de la nigna ardiente.
    Ani maledetti, vi odio.
    Amor, amor, amor, desculpa el me ardor.
    ProfCnnlog

  126. Cubano, la cubanita ho rotto le balle.

    Per favore, raccontaci la storia struggente di quando eri piccolo e povero….

  127. E, per tua informazione, mi sono trombato anche tua sorella, ano maledetto.
    Mi trombo tutto quello che si muove, quindi non fare passi falsi.
    Non fallare, ano invidioso.
    Que viva la cubanita!!!!!!!!!
    ProfCnnlog

  128. Amore, lascia perdere questi ani cattivi. Non ti arrabbiare.

    Ricorda che è qui che ci siamo conosciuti ed ora viviamo felici e contenti.

    Federica

  129. 229: io non mi chiamo Federica e il Cubano è il mio uomo. Che ora compaia una mia fake è inaccettabile. Attenta a te.
    Il vero amore

  130. Ma io vi amo entrambe.
    Mi corason è mui grande.
    La cubanita è generosa, la cubanita è amorosa, la cubanita è per tutte.
    Non giudicatemi, sono uno spirito libero, sono uno spirito avventuroso, sono uno spirito poetico.
    Ani vigliacchi, vi odio.
    ProfCnnlgg

  131. Mi piaci, così caliente e passionale.
    Lo sai che è così che ti voglio.
    Peccato che sia il ProfCnnlogg, altrimenti, ti consumerei.
    Amoreeeeeeeeeeeee
    ProfCnnlogg

  132. Come si coordina l’art. 669 octies c.p.c., penultimo comma, con l’art. 669 novies c.p.c., primo comma?

  133. Ai sensi dell’art. 669 octies, 6º e 7º comma, c.p.c. (così come modificati in ultimo dal d.l. 30 dicembre 2005 n. 273 conv. con modif. dalla l. 23 febbraio 2006 n. 51) non è previsto un termine perentorio per l’inizio del giudizio di merito dopo l’emissione dell’ordinanza di accoglimento ex art. 700 c.p.c. e pertanto tale ordinanza sopravvive nella sua efficacia all’eventuale estinzione del giudizio stesso.
    Dovrei farvi la parcella, ma mi limiterò ad invitarvi a studiare di più.
    Spero siate solo dei praticanti.
    ProfCnnlogg

  134. Questo è il mio uomo!!!

    Amore, anche oggi glie le hai proprio suonate a quegli ani maledetti.

    Tua, F.

  135. grazie al cazzo proffe, mica hai risposto alla domanda.
    oltre ad aver preso in considerazione solo un tipo di cautelare (ex 700, dimenticando gli altri) non hai spiegato come mai il settimo comma del 669 octies richiama i cautelari del primo comma (quelli per cui è invece necessario iniziare il giudizio di merito) dicendo che se il giudizio di merito si estingue non perdono efficacia e come mai il primo comma del 669 novies dice esattamente il contrario riferendosi agli stessi cautelari.
    secondo me quel drogato del legislatore ha sbagliato e nel settimo comma del 669 octies al posto di “primo comma” voleva scrivere “comma precedente” (il quale richiama invece i cautelari per cui non è necessario iniziare il giudizio di merito).
    spero che sia tu solo un praticante…

  136. ma dai 239 ma non mi dire, hai fatto la domanda ma avevi gia’ pronta la risposta (con tanto di “spero tu sia solo un praticante” alla fine..)

    tu si’ che sei macho, sei come Prof C (ma trombi molto meno, quello e’ sicuro)

  137. @ LS e quanti ne seguono

    La Sega di Munch!?!?

    Thanks darling, mi hai regalato il primo sorriso della giornata… “Sei messa male” diranno i miei quattro affezionati lettori. “Si, sicuramente”, risponde BV.

    Ad ogni modo, i post di oggi mi hanno fatto tornare il desiderio di commentare in questo blog la nostra realtà. Ora però – per la gioia di molti – torno a dormire. Dormire, dormire? Sognare, forse.

  138. 240, un gran cazzo.
    anzi io spero che qualcuno abbia una spiegazione più convincente della mia, visto che non mi sembra questo grande esercizio interpretativo o manifestazione di machismo dare la colpa a chi ha scritto l’articolo.

    altro che soluzione del cazzo. io non la ho.
    aspetto una risposta da qualcuno che se la tiri di meno a parole e sappia dimostrare che i soldi per laurearsi gli sono serviti a qualcosa, invece di nascondersi dietro il numero di presunte scopate di uno che osa porre un quesito giuridico a “professionisti” buoni solo a guardare chi ha il conto in banca più in salute o conosce meglio l’inglese.

    la domanda rimane. se avessi voluto stupirti con effetti speciali mi sarei inventato qualcosa di più sagace.

  139. postilla: lo “spero sia solo tu un praticante” è una risposta alla stessa frase rivoltami da proffake, se non ti fosse chiara la cosa.

  140. Che sollievo. Il mio dominus non ha mai usato tante scurrilità come 243, quindi non è lui.
    Ho iniziato da poco la pratica ma, se posso, ho capito che spesso il legislatore non è poi così logico. Sono contento di non essere il tuo praticante 243.
    Con rispetto
    Junior

    PS non ho capito perchè la proposta del forum maschile è da giovane praticante, non mi sembra che i senior stiano a discutere su livelli tanto elevati…. almeno non c’era l’imbarazzo dell’altro sesso.

  141. 245 Junior: sei proprio giovane eh? L’altro sesso, qui, leggendo o si diverte, o ci compatisce. Per l’imbarazzo, mi sa che è tardi…!

    234/239/243: pure tu. O sei giovanissimo, o sei un pazzo: ma ti pare che tu QUI puoi fare domande del genere? E, soprattutto, aspettarti pure delle risposte serie?

    Questo è un blog ILlegale. NON si parla di diritto.

    :))) (alla luce della crescente aggressività e livore diffusi, le faccine si impongono!)

    Care cose e bonne chance

  142. Caro il mio non-praticante,
    la questione che tu poni è evidentemente oziosa.
    Che il richiamo al primo comma, anziché al sesto, costituisca un mero errore materiale è stato rilevato da tutti i commentatori.
    Tanto che pende una proposta di modifica della norma in questione nel senso indicato.
    Non ci sono ulteriori considerazioni da fare a riguardo, né altre possibili opzioni esegetiche.
    Se ti era tutto così non vedo il senso della tua domanda.
    Ma, me ne rendo conto, ti ho usato eccessiva cortesia.
    Que viva la cubanita!
    ProfCnnlgt

  143. il riferimento ai “provvedimenti di cui al primo comma” deve verosimilmente indentendersi ai provvedimenti del comma precedente, almeno così dice PICARDI nel commentario al c.p.c.
    quindi, credo che voglia dire che se il giudizio di merito viene instaurato anche nell’ipotesi di un 700 già ottenuto, l’estinzione del primo non comporta la perdita di efficacia del secondo. Invece, per gli altri cautelari non anticipatori del merito – per i quali permane l’onere dell’introduzione del giudizio di merito pena l’inefficacia del provvedimento di accoglimento – se il giudizio di merito si estingue/non viene instaurato nel termine, il provvedimento di accoglimento perde efficacia.

    Avv. Legalissimo 1981

  144. Per i nostri esperti di diritto:

    pare che il ProfC in compagnia di qualche amico e di una bottiglia di RON stia cercando di coordinare (rectius: combinare) l’art. 609 octies con l’art. 609 ter primo comma n. 2, ma del cod. pen.

  145. 243 sei ingenuo

    se io so benissimo l’inglese e sono un esperto di off-shore funds structures e non so un cazzo di procedura civile ma faccio 200K e tu sei un genio del diritto ma fai 50K significa che i soldi della laurea sono serviti piu’ a me che a te. la bravura di ogni avvocato si misura SOLO dal suo conto in banca. Il prezzo come al solito lo fa il mercato. Il mercato per esempio fino a qualche tempo fa premiava piu’ un avvocato italiano illegale esperto in off-shore fund structures di un avvocato che invece si occupa di controversie giudiziali. Ora il trend e’ invertito. Ma la bravura (rectius, il “valore”) di entrambi si misura dal loro conto in banca. E’ ingenuo dimenticarsi di questo fatto. Ed e’ risaputo che chi si masturba con i quesiti procedurali tromba di meno del Prof C, un grande trombatore, by the way.

  146. Bravo 243.
    Gli ani mi hanno rotto i coglioni!
    Tu sai quanto trombo, dio quanto trombo.
    E non mi dire che ho perso i modi Carlà, o non ti faccio più la cubanita.
    ProfCnnlg

  147. CAPO
    255: no, non fila. Una cosa è l’utilità dei soldi della laurea. Altra causa la bravura nel lavoro. Tu li confondi, non so se intenzionalmente o meno.
    Ma così ragionando, chi sa fare una sola cosa e fa sempre quella, a 200k, è bravo. E chi è capace di ricostruire un sistema dal nulla, a 50k, non è bravo.
    E direi che non è molto logico.
    Tu, se avessi un problema, da chi dei due andresti?

  148. omioddio, ma il commento #250… Junior altri non è che Carlà che ha scordato di sloggarsi?!
    buahahahau!

    Fake del Cubbano lol.

  149. a marzo finisco lo stage agli affari legali di un’azienda multinazionale (energia)… non so se mi confermeranno! Se non dovessi entrare come in-house, mi consigliate qualche studio illegale serio che faccia energia?

  150. vorrei entrare (seriamente parlando) come in-house da Disney (non sto scherzando…). conoscete qualcuno dei legal affairs?

  151. @255 MI SAI INDICARE UN TESTO (ANCHE INGLESE ) DA CUI COMINCIARE AD AFFRONTARE L’ARGOMENTO OFF-SHORE FUNDS STRUCTURE? OVVIAMENTE LA DOMANDA è APERTA A TUTTI.

    E A CHI ANZICHè LIMITARSI A NON RISPONDERE COMINCIA AD IRONIZZARE CHE SI FRACASSI IL FEMORE SCIVOLANDO SULLA NEVE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!… VABBè IL PERONE

  152. Ti ho conosciuto 56 minuti fa e sono incollata da 56 minuti sulle tue pagine e ora ti lascio perchè qui urge rientrare in ufficio anche con la testa…

    Aspetto il calendario incontri per la presentazione del libro!

  153. Grazie, ana(l) 264, ma ancora il libro sulla cubanita deve uscire.
    Ma ti assicuro che 56 minuti, per quanto al tuo partner possano sembrare un’eternità, per me sono nulla.
    Nell’Isla dell’amor 56 minuti sono solo per i preliminari, l’aperitivo.
    Mettiti pure in contatto con me quando vuoi: ce n’è per tutte!
    Viva l’amoreeeeeeeee.
    ProCnnlgt

  154. @ 254: ti sei mai chiesto perché la tua compagna ti adori?
    Perché con i tuoi 200K può acquistare l’intimo di classe che io le strappo quando viene a trovarmi.
    Perché mi porta le ostriche fresche per ritemprarmi, lo champagnino inebriante, il Beluga grigio…
    La tua compagna ama i tuoi 200K e la mia cubanita.
    E’ proprio una fanciulla intelligente.
    Ano maledetto.

  155. @ 263

    Dal punto di vista fiscale puoi cominciare con Mc Intyre – Arnold, Int’l Tax Primer (le basi del dirittto tributario internazionale), poi ogni paese ha la sua legislazione in materia. Guardati anche qualche convenzione bilaterale sul modello di quella dell’OECD (OCSE). Poi ti consiglio “Setting up funds offshore” ma non ricordo nè autore nè editore

  156. Vi sottopongo il fatto che ha motivato il mio intervento difensivo:
    praticante di famoso studio illegale si ammala. Chiama in studio per avvisare che ha 40 di febbre e non riesce a muoversi.
    Risposta del blasonato studio:
    1) devi inviarci il certificato nedico comprovante il tuo stato di malattia;
    2) i giorni non lavorati non ti saranno retribuiti (perchè sei un professionista, se non lavori non guadagni);
    3) i giorni non lavorati ti saranno decurtati dal monte ferie.
    Considerazioni?
    Ecco le mie: si è più che stradipendenti quando si lavora, quando si è fuori dallo studio si è ben più che autonomi: si è inesistenti come persone.
    Io lo trovo agghiacciante. meno male che non tutti gli studi si chiamano Amistad.
    Buona giornata
    Carlà
    PS Prof C, ho capito che ti ispiro la cubanita, ma io voglio l’uomo monogamo…

  157. @ Carlà, la monogamia non esiste, ricordati: più siamo, più ci divertiamo!
    Io soy un hombre libero e caliente, come la mia Isla.
    Lo so che te gusta la mi cubanita…
    Io adoro le donne, la femmilità, quella particolare sensibilità e intuito de la muier.
    Odio gli ani invidiosi.

  158. sempre tuo, ProfCnnlgt
    Ciao amore, ti penso sempre e sempre e sempre.
    Occhio al botto!
    (ops, scusa, la fagiolada)

  159. @255
    Complimenti. Sai il prezzo di tutto ed il valore di nulla.
    Il credit crunch è anche conseguenza di questo tipo di cultura. Per fortuna che tu e altri simili “benpensanti” state per dover incominciare a cercarvi un nuovo lavoro :)))))

  160. Amico Samoano, io ti seguo sempre e so che sei un ragazzo sensibile, in grado di capire.
    Le amiche non mi scrivono più in pvt come un tempo.
    Mi cercano meno, come se fossi uno scicco illegale in cerca di avventure extraconiugali, un impotente professionista meneghino e non uno stallone tropical.
    Scrivimi tu, così ci vediamo e si combina qualcosa.
    La cubanita è amor e passion, per la cica e per l’hombre mesmo.
    ProfCnnlgt

  161. Amici e amiche scriveteme!
    Se combina seguro.
    E desculpateme, ani invidiosi, io amo l’amor.
    Ciao mia stella querida. Te adoro.
    ProfCnnlgt

  162. Ah, se mi scrivete, ve priego, una vostra foto par el mio archivio e una precisasion: specificare Cubano col botto o senza botto, così me regolo con la dieta.
    profCnnlgt

  163. Tu mi dai un dolore, un grande dolore.
    Eppure ci siamo divertiti insieme.
    Ti ricordi.
    Baci e languide carezze.
    La cubanita.
    Le stelle.
    Ho ancora il tuo profumo sulla mia pelle.
    Sei una donna ingrata.
    Ma amo le tue contraddizioni e ti dico: torna amoreeeeeee.
    ProfCnnlgt
    (Ciao Deborah, questa sera te quiero, amor mio. Da me no, ho qualche “problemino”.)

  164. Gentile L.S.,

    che simpatica trovata le pagelle e che finezza d’eloquio!

    It goes without saying che convengo con le Sue votazioni e che l’essere in pole mi soddisfa anzicheno’.

    Seguendo il Suo illuminato consiglio, non mi adagiero’ sugli allori d’ispiratrice di solitarie pratiche e prometto di palesarmi quando avro’il dovuto tempo a disposizione da dedicarLe.

    La Sua “indimenticata LW della due diligence bolognese”.

    Lady Windermere

  165. Il valore di un professionista si riconosce SOLO dal suo conto in banca..

    per iniziare il 2009 non si poteva scegliere introduction migliore…chapeau..

    le minchiate sono sempre divertenti in questo blog

    PEL

  166. SUna partozuperegovsme, LW, vi avrò!!!!
    Una partouze, vi aggrada?
    Lo so che desiderate il calor de la Isla.
    Da voi, chè da me ho “gente”.
    Que viva la cubanità.
    ProfCnnlgt
    Parola di verifica digitata:cim

  167. Un plauso al calciatore Borriello che pare si sia messo con l’etoile Eleonora Abbagnato, lasciandosi alle spalle la burrascosa storia intrattenuta con una scostumata modella argentina di nome Belen.

    Belen e’ probabilmente piu’ attraente di Eleonora, ma il suo atteggiamento (cosi’ come incorniciato dai media, si intende) mi ha spesso dato la sensazione di essere sgradevolmente ingenuo e irragionevolmente sguaiato. Vorrei invitare i colleghi illegali ad applaudire con me la mossa di Borriello, che confido sia destinata a dare un nuovo vigoroso impulso al mio manifesto.

    La donna dev’essere attraente (non dico figa se no poi Junior si scandalizza e mi paragona al Prof C) e intelligente. Entrambe le cose.

    Ritengo che non si possa essere un’etoile di successo senza essere allo stesso tempo molto intelligente, ed Eleonora, pur non essendo esattamente il mio tipo, e’ dotata di grazia ed eleganza straordinarie, e non sembra essere appesantita dalle fasce muscolari prominenti tipiche di chi fa il suo mestiere. E’ dunque molto attraente.

    Se partecipasse al blog, sarebbe PROMOSSA.

    Il Lettore Segaiolo

  168. Segaiolo, sei soltanto un invidioso frustrato. Io le donne le amo, tu le usi. Frustrato e livoroso.
    Ci hai stancato, vattene e tieni giù quelle mani immonde.
    Guarda che occhiaie hai.
    Viscido.
    Non se ne puo’ più di gente che parla male degli altri.
    Te al prendi con me sono perché non sono della tua terra.
    Que viva la cubanita.
    ProfCnnlgt

  169. Carlà, come mai sulla figura da cioccolataia (junior) glissi alla grande?
    dici che siamo riusciti a farti star zitta una volta tanto?

  170. Beh, forse perchè non è proprio così come vi piacerebbe e non me ne cale molto di quello che pensate (anzi, meglio se lo pensate).
    Ecco, non ho glissato.
    Peraltro mi rallegra che non abbiate cose più importanti da fare che pensare a me. Grazie.
    Baci
    Carlà

  171. Per favore, ci dici qual’è lo studio illegale che ha infierito in quel modo sul praticante malato?

    Questa storia mi ha fatto inorridire e, purtroppo, sono certo che non è una bufala..

  172. Ladies, Gentlemen:
    un Vero Studio Illegale semplicemente non fa nessuna delle cose sub 269

    non scherziamo

    lo studio in cui è successo quell’episodio non è un Vero Studio Illegale

    Parlando d’altro: sapete se qualche Studio Illegale sta cominciando a mandar via la gente?

  173. carlà resta il fatto che la figura da cioccolataia (livorosa) l’hai fatta
    a pensarci bene la tua tipica acidità trasudava anche dai pori da junior
    personalmente non è che passo la giornata a pensare a te, ma resta il fatto che il prezzemolo – dal piatto più scipito a quello più elaborato – si nota sempre.
    e non sempre è apprezzato

  174. urlando a pieni polmoni invoco un intervento del nostro ospite, di BeingEarnest e/o di Alex per tirar su un po’ l’ambiente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...